Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.237,86
    -949,66 (-1,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0997
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0055 (-0,36%)
     

A fine gennaio prestiti a imprese con garanzie al 18% totale, moratorie al 17% - Bankitalia

·1 minuto per la lettura
Il logo Banca D'Italia a Milano

ROMA (Reuters) - Il sostegno alle imprese e alle famiglie produttrici attraverso prestiti garantiti dallo stato o finanziamenti coperti da moratorie è stato a fine gennaio pari rispettivamente al 18% e 17% del totale dei prestiti.

Lo ha detto Alessio De Vincenzo, capo del Servizio Stabilità finanziaria della Banca d'Italia in audizione in Commissione Finanze della Camera.

"È opportuno, quindi, che la revisione delle misure (di moratorie e schemi garanzia) avvenga in modo graduale", ha aggiunto.

Grazie alle misure governative varate tra marzo e agosto scorso, Bankitalia ha stimato che alla fine del 2020, il numero delle aziende in deficit di liquidità si sarebbe ridotto da 142.000 a circa 32.000, mentre il fabbisogno complessivo sarebbe sceso da 48 a 17 miliardi.

De Vincenzo ha detto quindi che mentre nel breve occorre mantenere e comunque prevedere una gradualità nel tornare a regimi normali, è oppportuno rafforzare la struttura finanziaria delle imprese, superando l'elevata frammentazione del tessuto produttivo.

Le risorse nell'ambito del programma Next Generation EU sono un'opportuntà da sfruttare, dice Bankitalia, "per agevolare quanto più possibile la patrimonializzazione, la raccolta di capitale direttamente sui mercati, la diversificazione delle fonti di finanziamento".

(Stefano Bernabei, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)