Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.318,99
    -550,38 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.560,26
    -409,71 (-2,74%)
     
  • Nikkei 225

    30.183,96
    -56,10 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1684
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    35.270,79
    -1.961,46 (-5,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.016,25
    -40,89 (-3,87%)
     
  • HANG SENG

    24.500,39
    +291,61 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    4.354,15
    -88,96 (-2,00%)
     

Google, ricorso contro multa "sproporzionata" di 500 million per causa copyright in Francia

·2 minuto per la lettura
Il logo di Google presso la sede centrale a Mountainview, California.

PARIGI (Reuters) - Google ha presentato ricorso contro la multa di 500 milioni di euro imposta dall'autorità antitrust francese a luglio nell'ambito della controversia con i media locali sul pagamento dei contenuti relativi alle notizie.

La multa è arrivata in un contesto di crescenti pressioni internazionali sulle piattaforme online come Google, controllata da Alphabet Inc, e Facebook affinché condividano una quota maggiore delle entrate che ricavano dall'utilizzo delle notizie dei media.

"Non siamo d'accordo con una serie di elementi legali, e crediamo che la multa sia sproporzionata rispetto ai nostri sforzi per raggiungere un accordo e rispettare la nuova normativa", ha detto Sebastien Missoffe, responsabile di Google France.

"Continuiamo a lavorare duramente per risolvere questo caso e implementare degli accordi. Questo include l'espansione delle offerte a 1.200 editori, il chiarimento di diversi aspetti dei nostri contratti e la condivisione di maggiori informazioni, come richiesto dall'autorità francese per la concorrenza".

L'antitrust francese ha imposto la sanzione a Google per non aver rispettato le direttive su come condurre le trattative con gli editori.

L'authority ha detto che il ricorso di Google, che sarà esaminato dalla corte d'appello di Parigi, non porterà a una revoca della multa, che il gigante tecnologico americano deve ancora pagare. L'antitrust non ha potuto indicare la durata del processo d'appello.

L'antitrust ha stabilito nella sua decisione del 13 luglio che il gruppo tecnologico statunitense deve avanzare le sue proposte entro i prossimi due mesi su come compensare le agenzie di stampa e gli altri editori per l'uso dei contenuti. Se non lo farà, l'azienda dovrà far fronte a ulteriori multe fino a 900.000 euro al giorno.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli