Italia markets close in 44 minutes
  • FTSE MIB

    25.319,21
    -78,51 (-0,31%)
     
  • Dow Jones

    33.876,40
    -0,57 (-0,00%)
     
  • Nasdaq

    14.142,54
    +1,06 (+0,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • Petrolio

    73,89
    +0,23 (+0,31%)
     
  • BTC-EUR

    25.032,44
    -2.790,97 (-10,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    708,59
    -85,74 (-10,79%)
     
  • Oro

    1.778,20
    -4,70 (-0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,1913
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    4.230,00
    +5,21 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.116,02
    +3,69 (+0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0947
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4736
    +0,0007 (+0,05%)
     

Greggio in ribasso, deboli esportazioni Cina evidenziano impatto guerra dazi

Greggio in ribasso, deboli esportazioni Cina evidenziano impatto guerra dazi

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso dopo dati che hanno mostrato un calo delle esportazioni cinesi per il quarto mese consecutivo, suscitando nervosismo in un mercato già preoccupato per i danni causati alla domanda globale dalla guerra commerciale sino-statunitense.

Intorno alle 11,20, i future sul Brent scambiano in ribasso di 60 centesimi, pari allo 0,93%, a 63,79 dollari al barile, dopo aver guadagnato circa il 3% la scorsa settimana sulla notizia di ulteriori tagli della produzione da parte dell'Opec+.

Il greggio Usa perde 52 centesimi, ovvero lo 0,88% a 58,68 dollari al barile, dopo aver guadagnato circa il 7% la scorsa settimana.

Il calo improvviso di oggi è dovuto ai dati pubblicati ieri dai quali emerge che le esportazioni dalla seconda economia più grande al mondo a novembre sono diminuite dell'1,1% rispetto all'anno precedente, deludendo le stime di un sondaggio Reuters di un aumento dell'1%.

Un debole inizio di settimana, nonostante i dati che mostrano che le importazioni di greggio in Cina sono balzate a un livello record, rivelando quanto nel mercato siano incorporati profondi nervosismi sulla guerra commerciale Usa-Cina che ha raffreddato la crescita globale e la domanda di petrolio.

"La Cina, chiaramente, non è immune né alle tariffe commerciali statunitensi, né al persistente rallentamento dell'economia globale", ha dichiarato Jeffrey Halley, analista di mercato senior di Oanda.

Washington e Pechino sono in trattative per raggiungere un accordo commerciale per mettere fine ai reciproci dazi, ma i colloqui si stanno trascinando da mesi tra contrasti sui dettagli chiave.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli