Italia markets close in 4 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    24.302,00
    -500,90 (-2,02%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,31
    -0,61 (-0,94%)
     
  • BTC-EUR

    45.964,79
    -2.177,12 (-4,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.491,79
    -69,51 (-4,45%)
     
  • Oro

    1.840,90
    +3,30 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,2158
    +0,0024 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.933,97
    -100,28 (-2,49%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0969
    +0,0035 (+0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4721
    +0,0037 (+0,26%)
     

Italia, difficoltà economiche per 1 su 5 con seconda ondata Covid - Istat

·2 minuto per la lettura
Una bandiera italiana davanti alla Fontana di Nettuno a Napoli

ROMA (Reuters) - Un quinto degli italiani ha avuto difficoltà nel far fronte agli impegni economici in occasione della seconda ondata di Covid-19 e uno su dieci ha dovuto farsi aiutare.

E' quanto emerge da un rapporto pubblicato oggi da Istat, frutto di una rilevazione condotta tra dicembre 2020 e gennaio 2021.

Sono oltre 11 milioni - il 22,2% della popolazione - le persone che hanno avuto problemi economici: dalle difficoltà a pagare le bollette (13,4%) al dover rinunciare alle vacanze (16,5%), dal non riuscire a far fronte a una spesa imprevista (13,9%) e non riuscire a rimborsare le rate del mutuo (6,3%) a non poter pagare l'affitto (6,7%). Inoltre 3 milioni hanno avuto problemi con le spese alimentari.

"Nel Mezzogiorno sono presenti le situazioni più critiche: ha avuto problemi il 30,7% dei cittadini a fronte del 18,4% del Nord e del 17% nel Centro. Ed è sempre nel Mezzogiorno che la concomitanza di più problemi presenta la frequenza più elevata: il 12,2% ha dovuto affrontare almeno quattro delle difficoltà economiche considerate, ovvero una quota doppia rispetto al Nord (6,0%) e tre volte quella del Centro (4,1%)".

Oltre un italiano su dieci è stato poi costretto a ricorrere "ad aiuti economici (prestiti, sussidi pubblici o altro) o alla vendita di beni di proprietà".

Tra gli occupati, sono soprattutto i lavoratori del commercio ad aver avuto bisogno di aiuti (21,8%), con il 4,7% che ha chiesto prestiti in banca e il 17% aiuti pubblici, mentre guardando all'età le persone che più hanno avuto bisogno di aiuto sono i giovani tra i 25 e i 34 anni (22,1%).

Secondo un italiano su cinque la condizione economica familiare è in peggioramento rispetto al periodo pre-Covid, spiega Istat, aggiungendo che oltre l'80% degli intervistati può contare sull'aiuto di familiari e amici.

L'istituto di statistica rileva inoltre che nella seconda ondata epidemica il clima familiare è positivo per nove persone su dieci, e aumenta il tempo dedicato alla famiglia.

(Antonella Cinelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)