Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,68 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -0,21 (-0,23%)
     
  • BTC-EUR

    23.696,35
    -346,13 (-1,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +3,40 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0263
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,22 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9653
    -0,0062 (-0,63%)
     
  • EUR/CAD

    1,3092
    -0,0079 (-0,60%)
     

Michelin e Nokian prime aziende pneumatici a lasciare Russia

Logo Michelin impresso su un pneumatico di un'automobile di Formula E

(Reuters) - Michelin prevede di cedere le sue attività russe a una nuova entità a gestione locale entro la fine dell'anno, mentre la concorrente Nokian Tyres ha detto di voler abbandonare il Paese.

Sono i primi produttore di pneumatici occidentali a rinunciare a operare in Russia.

L'azienda francese, che ha in Russia concorrenti come Pirelli e la tedesca Continental, ha detto che è ormai impossibile riprendere la produzione a causa di problemi alla catena di approvvigionamento dovuti alle sanzioni contro Mosca.

Le aziende straniere che cercano di uscire dalla Russia a causa della guerra in Ucraina devono anche affrontare la prospettiva che nelle prossime settimane venga approvata una nuova legge che consentirebbe a Mosca di sequestrare i loro beni e intraprendere azioni penali nei loro confronti.

Questo ha incoraggiato alcune aziende ad accelerare la loro partenza.

Anche Diageo, il più grande produttore di alcolici al mondo, e le finlandesi Kone e Ponsse hanno annunciato oggi di voler lasciare la Russia.

Primo produttore occidentale di pneumatici a entrare in Russia nel 2004, Michelin ha sospeso le proprie attività nel paese a metà marzo, a causa delle difficoltà della catena di approvvigionamento dopo l'invasione dell'Ucraina e delle conseguenti sanzioni contro Mosca.

"È tecnicamente impossibile riprendere la produzione, soprattutto a causa di problemi di approvvigionamento, in un contesto di incertezza generale", ha detto Michelin, che produce pneumatici per auto, aerei e camion.

Più tardi nel corso della giornata, Nokian ha annunciato piani per una "uscita controllata" dalla Russia, sede del suo maggiore impianto di produzione.

L'azienda ha detto che valuterà diverse opzioni e dovrà far fronte a una svalutazione di circa 300 milioni di euro nel secondo trimestre. In Russia, Nokian ha oltre 1.600 dipendenti.

L'industria degli pneumatici è stata duramente colpita dalle sanzioni occidentali contro la Russia, che hanno interrotto le forniture di materie prime essenziali e chiuso le fabbriche che rifornivano i clienti al di fuori della Russia.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli