Italia markets open in 7 hours 30 minutes
  • Dow Jones

    34.792,67
    -323,73 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.780,53
    +19,24 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.584,08
    -57,75 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1843
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    33.618,55
    +914,00 (+2,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    977,06
    +50,30 (+5,43%)
     
  • HANG SENG

    26.426,55
    +231,73 (+0,88%)
     
  • S&P 500

    4.402,66
    -20,49 (-0,46%)
     

Pale e pannelli, l'equivoco tra il bello e il buono

·1 minuto per la lettura
28 June 2021, Brandenburg, Jacobsdorf: A wind turbine in the sunset in the Oder-Spree district in East Brandenburg. The state of Brandenburg ranks second among the German states with the largest installed capacity of wind turbines. Thus, a good third of the electricity demand is generated from wind. With more than 7,400 megawatts (MW) of total installed capacity, Brandenburg now ranks second after Lower Saxony. Photo: Patrick Pleul/dpa-Zentralbild/ZB (Photo by Patrick Pleul/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)
28 June 2021, Brandenburg, Jacobsdorf: A wind turbine in the sunset in the Oder-Spree district in East Brandenburg. The state of Brandenburg ranks second among the German states with the largest installed capacity of wind turbines. Thus, a good third of the electricity demand is generated from wind. With more than 7,400 megawatts (MW) of total installed capacity, Brandenburg now ranks second after Lower Saxony. Photo: Patrick Pleul/dpa-Zentralbild/ZB (Photo by Patrick Pleul/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)

(di Carlo Alberto Pinelli, Responsabile delle energie rinnovabili di Mountain Wilderness Italia)

E’ un antico e radicato difetto dei nostri simili quello di confondere e sovrapporre i concetti di bello e di buono. Quasi che l’uno trascini automaticamente dietro di sé il secondo. O viceversa. In questo equivoco cadono anche a mio parere gli amici di Legambiente e di Greenpeace quando, in mancanza di argomenti più stringenti, sostengono che le pale eoliche abbelliscono i paesaggi identitari sui quali troneggiano, arricchendoli di un tocco di modernità. Entrambe queste associazioni hanno trasformato le gigantesche torri degli aerogeneratori in un feticcio: l’icona indiscutibile della salvezza del Pianeta. Di conseguenza quelle torri gigantesche devono per interna coerenza essere anche belle. Il presidente di Legambiente è giunto a sostenere che le torri eoliche sono le cattedrali dell’epoca presente. Se evito di liquidare con una risata questa azzardato parallelo è perché, seppure inconsapevolmente, il signor Ciafani ha detto una cosa vera. Le cattedrali del medioevo e del rinascimento calamitavano le speranze salvifiche, la tensione verso il sacro, i bisogni di sicurezza e assoluzione dell’umanità, canalizzandoli entro ben delimitati percorsi emotivi e istituzionali. Rappresentavano insomma autorevoli e autoritari simboli visibili dell’invisibile. Nel corso dei secoli il loro ruolo culturale, sociale e politico è stato ovviamente importantissimo; non sarò certo io a metterlo in dubbio! Ma il loro messaggio sfugge alla lente fredda della scienza. Ho l’impressione che manchino a tutt’oggi prove scientifiche dell’esistenza del Paradiso di cui le cattedrali si offrono come un riflesso terreno. Il tentativo che le lobby delle rinnovabili stanno perseguendo, favorite dall’equivoco “religioso” che acceca tanta parte dell’arcipelago ambi...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli