Italia markets open in 25 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.248,81
    +609,41 (+2,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1743
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    37.777,72
    +156,78 (+0,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.108,17
    -0,75 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    24.466,73
    -44,25 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

PayPal aquisirà società buy now, pay later in Giappone per 2,7 mld $

·1 minuto per la lettura
Il logo PayPal accanto a un laptop

(Reuters) - Il gigante statunitense dei pagamenti PayPal Holdings Inc ha annunciato l'acquisto della società giapponese di buy now, pay later (Bnpl) Paidy in un accordo da 2,7 miliardi di dollari in gran parte in contanti, facendo un altro passo avanti per conquistare il primo posto in un settore in pieno boom per la pandemia.

L'operazione arriva dopo che la rivale Square Inc ha concluso un accordo il mese scorso per l'acquisizione dell'australiana Afterpay Ltd per 29 miliardi di dollari, che, secondo gli esperti, ha segnato probabilmente l'inizio di un consolidamento nel settore.

"L'acquisizione amplierà le capacità, la distribuzione e la rilevanza di PayPal nel mercato dei pagamenti nazionali in Giappone, il terzo più grande mercato di e-commerce al mondo, integrando l'attività di e-commerce transnazionale dell'azienda già esistente nel Paese", ha detto ieri PayPal in una nota.

L'acquisizione di Paidy aiuterà PayPal ad espandersi in un Paese in cui il volume degli acquisti online è più che triplicato negli ultimi 10 anni a circa 200 miliardi di dollari, ma più di due terzi di tutti gli acquisti sono ancora pagati in contanti, ha detto PayPal in una presentazione agli investitori.

Paidy, con oltre 6 milioni di utenti registrati, offre servizi di pagamento che consentono ai clienti giapponesi di effettuare acquisti online, per poi pagarli ogni mese presso un minimarket o tramite bonifico bancario.

I consumatori giapponesi hanno tradizionalmente favorito i pagamenti in contanti, ma negli ultimi anni la situazione è cambiata, soprattutto nelle città, ha detto Eiji Taniguchi, economista senior del think tank Japan Research Institute Ltd.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Giselda Vagnoni)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli