Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,09 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,73 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,98 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,47 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +0,14 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    37.120,37
    -3.087,99 (-7,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +5,90 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2140
    +0,0056 (+0,46%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,87 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4696
    +0,0004 (+0,03%)
     

Petrolio greggio: ripresa globale, supporto per il dollaro

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

I futures del petrolio greggio U.S. West Texas intermediate e internazionale di riferimento del Brent sono scambiati leggermente in ribasso giovedì dopo aver recuperato la maggior parte delle perdite precedenti. La pressione di vendita non era così notevole con i mercati ancora in bilico vicino ai massimi del 18 marzo.

A contribuire a mettere un freno ai prezzi potrebbero essere state le preoccupazioni per l’aumento dell’offerta globale nonostante il prelievo di petrolio greggio dagli Stati Uniti di questa settimana. La produzione statunitense dovrebbe aumentare ora che i prezzi si sono stabilizzati vicino ai livelli pre-pandemici e l’Iran potrebbe iniziare a rilasciare più offerta. All’inizio del mese, l’OPEC ei suoi alleati hanno deciso di iniziare ad aumentare gradualmente la produzione in maggio, giugno e luglio.

Alle 15:39 GMT, il greggio WTI di giugno viene scambiato a $ 63,13, in calo di $ 0,09 o -0,14% e il petrolio greggio Brent di giugno è a $ 66,59, in rialzo di $ 0,01 o + 0,02%.

Nonostante le preoccupazioni per l’offerta, il mercato è ben sostenuto da numerosi fattori come le prospettive favorevoli per l’economia globale, una maggiore domanda di attività più rischiose e il dollaro USA più debole.

Il supporto arriva anche dalla notizia che l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA) e l’OPEC hanno rivisto al rialzo le loro previsioni di crescita della domanda globale di petrolio per il 2021 questa settimana a 5,7 milioni di barili al giorno (bpd) e 5,95 milioni di bpd rispettivamente.

L’EIA aumenta le previsioni della domanda di petrolio mentre le vaccinazioni migliorano le prospettive

I lanci di vaccini stanno illuminando le prospettive per la domanda globale di petrolio, ha detto mercoledì l’Agenzia internazionale dell’energia (EIA), sebbene l’aumento dei casi in alcuni dei principali paesi consumatori di petrolio mostri che una ripresa potrebbe essere fragile.

“I fondamentali sembrano decisamente più forti”, ha affermato l’EIA nel suo rapporto mensile.

“L’enorme eccesso di scorte petrolifere globali che si è accumulato durante lo shock della domanda COVID-19 dello scorso anno è stato risolto, le campagne sui vaccini stanno aumentando e l’economia globale sembra essere su una base migliore.”

Citando i casi in aumento in Europa, Brasile e Stati Uniti, il cane da guardia con sede a Parigi ha affermato di essere ancora preoccupato per le nuove ondate del virus che fanno deragliare i progressi.

Tuttavia, l’EIA ha previsto che la domanda e l’offerta globali di petrolio dovrebbero riequilibrarsi nella seconda metà dell’anno e che i produttori potrebbero quindi dover pompare 2 milioni di barili al giorno in più per soddisfare la domanda prevista.

L’OPEC e gli alleati come la Russia, un gruppo noto come OPEC+, si dimostrerebbero probabilmente in grado di adattare la sua produzione per chiedere se il virus è domato o meno, ha aggiunto l’EIA.

“La calibrazione mensile dell’offerta del blocco può dargli la flessibilità di soddisfare la domanda incrementale aumentando rapidamente o riducendo la produzione nel caso in cui la ripresa della domanda non riesca a tenere il passo”.

L’EIA ha affermato che il petrolio commerciale immagazzinato nei paesi dell’OCSE è diminuito per il settimo mese consecutivo a febbraio, segnalando un aumento della domanda e un aumento delle importazioni nel prossimo futuro.

I paesi meno sviluppati hanno affrontato una salita più ripida fuori dal cratere della domanda creato da COVID-19, ha avvertito l’EIA, poiché le differenze tra i paesi con accesso immediato al vaccino e quelli senza sono diventate più pronunciate.

“Alcuni paesi emergenti con un accesso inferiore si trovano in una situazione più difficile, con probabili nuove ondate COVID che rallentano l’attività economica e la mobilità”, ha affermato l’EIA.

“La situazione si sta attualmente deteriorando bruscamente in alcuni grandi consumatori di petrolio non QECD (Brasile, Iran e India)”.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: