Italia markets close in 7 minutes
  • FTSE MIB

    18.986,21
    -299,20 (-1,55%)
     
  • Dow Jones

    27.606,63
    -728,94 (-2,57%)
     
  • Nasdaq

    11.358,40
    -189,88 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    38,54
    -1,31 (-3,29%)
     
  • BTC-EUR

    11.005,86
    -93,22 (-0,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,85
    -3,57 (-1,35%)
     
  • Oro

    1.907,60
    +2,40 (+0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1823
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    3.395,39
    -70,00 (-2,02%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.109,70
    -89,16 (-2,79%)
     
  • EUR/GBP

    0,9078
    -0,0016 (-0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0722
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5618
    +0,0059 (+0,38%)
     

Verso la seconda ondata, Pregliasco avverte: "Serve un nuovo galateo"

Primo Piano
·2 minuti per la lettura
Verso la seconda ondata, Pregliasco avverte: "Serve un nuovo galateo" (Getty Images)
Verso la seconda ondata, Pregliasco avverte: "Serve un nuovo galateo" (Getty Images)

“Quello sta succedendo oggi in Italia è una tendenza verso la seconda ondata. Ma oggi possiamo contare sulla possibilità di eseguire test a tappeto, perché questa la scommessa, anche se è chiaro che è difficile dal punto di vista organizzativo". Lo ha detto Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università degli studi di Milano e direttore dell'Irccs Galeazzi, intervenuto durante la trasmissione Agorà su Rai Tre.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, quanto resiste sulle superfici?

"La peculiarità - ha aggiunto Pregliasco - di questa malattia è difficile da far passare perché si tende a sminuirla in modo eccessivo. È una malattia a basso rischio specifico ma per la sua capacità diffusiva", "diventa rilevante". L'extra mortalità causata dal Covid "è oggettiva ed è stata pari al 30-40% in più rispetto alla mortalità attesa in quel periodo. E' impossibile riconoscere su ogni singolo soggetto quanto il Covid sia stato determinante o meno" ma non bisogna dimenticare che in quel periodo "abbiamo avuto anche altri morti per malattie che non siamo riusciti a curare".

"Non essendoci un manuale esatto" l'elemento importante è "l'adozione sistematica di un nuovo galateo, che dobbiamo usare tutti. Il guaio è che una quota di persone diventano insofferenti, soffrono psicologicamente, hanno paura di questa malattia o preferiscono demonizzarla o non considerarla, anche perché preoccupati da aspetti economici. L'auspicio è che la maggior parte degli italiani riesca ad avere la forza per portare avanti questa maratona, che ci potrà permettere di convivere con il virus".

GUARDA ANCHE - Come cambia la quarantena?

"In 104 su 107 province ci sono focolai", ha ricordato citando i dati del monitoraggio settimanale. "I dati sono preoccupanti rispetto a una situazione che lasciata a sé può evidenziare un incremento molto più elevato nel breve periodo". Tuttavia, "i 5.000 casi giornalieri attuali sono diversi di quelli di fine marzo perché riuscivamo a individuare solo i casi gravi. Ma, come visto dalle indagini sierologiche, i valori reali dei contagiati 10 volte tanto, perché non si consideravano gli asintomatici", che pur se "trasmettono meno, sono determinanti nella prosecuzione della catena di contagio".