Italia markets close in 1 hour 37 minutes
  • FTSE MIB

    25.415,78
    -100,68 (-0,39%)
     
  • Dow Jones

    35.069,49
    -15,04 (-0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.686,57
    -91,69 (-0,62%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,76
    +0,14 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    32.744,49
    -1.042,25 (-3,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    923,58
    -26,32 (-2,77%)
     
  • Oro

    1.829,30
    -6,50 (-0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1886
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.404,28
    -14,87 (-0,34%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.101,63
    -15,14 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8514
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0764
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4768
    -0,0022 (-0,15%)
     

Viva il mondo con pale eoliche e pannelli solari

·1 minuto per la lettura
09 March 2021, Hamburg, Bordelum: Wind turbines stand in a wind farm at the North Sea in the sunrise. Photo: Christian Charisius/dpa (Photo by Christian Charisius/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)
09 March 2021, Hamburg, Bordelum: Wind turbines stand in a wind farm at the North Sea in the sunrise. Photo: Christian Charisius/dpa (Photo by Christian Charisius/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)

L’archeologo e professore Salvatore Settis in un intervento sulla Stampa ci spiega il grande rischio che stiamo correndo abbracciando senza se e senza ma la transizione ecologica: pale eoliche e pannelli solari, secondo lui, danneggeranno irreversibilmente non solo i nostri bellissimi scorci naturalistici ma anche l’agricoltura di qualità. Per Settis si rischia di compromettere per sempre l’immagine dell’Italia “giardino d’Europa”, quindi bisognerebbe fermare la corsa a nuovi impianti e tutelare tutti gli italiani che “hanno diritto a un contesto paesaggistico rispondente alle caratteristiche del Paese”. Ora, la posizione del professore non è certamente un unicum nel mondo culturale italiano: basti ricordare la poco urbana campagna contro l’eolico portata avanti negli ultimi anni da parte di Vittorio Sgarbi, per citarne solo uno, o quanto meno il più colorito fra i suoi colleghi. Si tratta però di una posizione che per vari motivi è imprecisa e soprattutto guarda molto al presente ma poco al futuro.

Si dice che torri eoliche o campi fotovoltaici deturpino l’ambiente. Bene. Se ciò vale, allora deve essere vero anche per tutte le altre conquiste tecnologiche che hanno portato l’uomo fuori dalla condizione di schiavitù nei confronti della natura. Sono forse esteticamente belli gli immensi tralicci che portano l’elettricità in tutte le case italiane? Possiamo definire come “luoghi che curano” i chilometri e chilometri di binari o cavi o funi che ci permettono di spostarci in lungo e in largo? La lista sarebbe lunga e di facile compilazione.

C’è poi una precisazione che va assolutamente fatta sul concetto di bellezza, laddove l’estetica non può o non deve essere scollegata dalla funzione d’uso di qualsiasi oggetto. Una pala eolica può anche essere orrenda - e anche su questo ci sarebbe da ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli