Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.648,52
    -578,64 (-2,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Zona Euro, inflazione luglio a 8,9% a/a, inflazione core in forte aumento

Bandiere della zona euro davanti alla Commissione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - L'inflazione della zona euro ha raggiunto un nuovo record dell'8,9% su base annua nel mese di luglio, come confermato dai dati pubblicati oggi da Eurostat.

Anche la cosiddetta inflazione core, che esclude le componenti più volatili ed è di estrema importanza per la politica monetaria, ha registrato un forte aumento.

L'ufficio statistico dell'Unione europea Eurostat ha detto che i prezzi al consumo nei 19 Paesi che utilizzano l'euro sono aumentati dello 0,1% su base mensile a luglio, per un incremento dell'8,9% su base annua, il più alto mai registrato dalla creazione dell'euro nel 1999.

Eurostat ha detto che, sul totale, 4,02 punti percentuali provengono dall'aumento del costo dell'energia - i cui costi sono aumentati a causa dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia - e 2,08 punti percentuali dall'aumento del costo degli alimenti, dell'alcol e del tabacco.

Ma anche escludendo queste componenti più volatili, in quella che la Banca Centrale Europea chiama inflazione core e che osserva con attenzione al momento di prendere decisioni sui tassi di interesse, i prezzi sono aumentati del 5,1% su base annua a luglio.

L'obiettivo della Bce per l'inflazione complessiva è del 2,0%

Il mese scorso, la banca ha iniziato un ciclo di inasprimento dopo anni di politica monetaria espansiva, ma i prezzi dei servizi, che pesano per oltre i due terzi sul Pil della zona euro, sono comunque aumentati del 3,7% su base annua a luglio, aggiungendo 1,6 punti percentuali al risultato finale.

I beni industriali sono stati più cari del 4,5% rispetto a 12 mesi prima, aggiungendo 1,16 punti percentuali al dato finale.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)