Italia markets open in 59 minutes
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,40 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,12 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.155,71
    +206,98 (+0,71%)
     
  • EUR/USD

    1,2105
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    32.574,21
    +3.482,12 (+11,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    983,29
    +41,47 (+4,40%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,23 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     

Borsa Milano in calo per impatto stacco cedole, corrono Bper, Erg

·3 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 24 maggio (Reuters) - Indici negativi a Piazza Affari, ma è un effetto illusorio dovuto all'impatto, stimato in 0,89% per il FTSE Mib, dello stacco dividendi di ben 18 società del principale listino milanese.

Con un calo fra lo 0,30 e lo 0,40%, i due indici principali sono di fatto positivi se si esclude l'effetto stacco cedola. Il futures sul FTSE Mib sale dello 0,44% circa.

Sulle borse l'intonazione è comunque positiva con gli investitori che scommettono sulla ripresa delle economie globali post pandemia.

Oggi chiusi per festività sei mercati europei: Germania, Svizzera, Norvegia, Danimarca, Ungheria e Austria.

Apertura molto positiva a Wall Street sulla scia del balzo dei prezzi del petrolio e quindi del settore oil, mentre gli investitori attendono i dati chiave sull'inflazione in agenda nel corso della settimana.

"I volumi sono molto contenuti proprio per la chiusura di tutti questi mercati", osserva un trader.

Tra i titoli in evidenza:

In spolvero i titoli finanziari, in particolare Bper che allunga nel pomeriggio e sale del 6,5%, seguita da Banco Bpm (+1,6%), al centro di speculazioni legate all'M&A. Un trader segnala forti acquisti sulla banca emiliana dopo lo stacco cedola odierno, senza indicare altre motivazioni particolari.

Nel risparmio gestito bene Azimut che guadagna oltre il 3%. Ben raccolte anche le big Intesa Sanpaolo (+1%) e Unicredit(+0,3%).

Fermento sul comparto dei club di calcio con la Juventus che balza del 2,3% dopo aver conquistato l'accesso alla prossima Champions League battendo il Bologna 4-1 e grazie al concomitante pareggio interno del Napoli. Gli analisti di Intesa Sanpaolo valutano positivamente la qualificazione ottenuta alla Champions della prossima stagione in cui grazie alla campagna vaccinale ci potrebbe essere il ritorno dei tifosi sugli spalti. "Stimiamo un contributo sul conto economico compreso fra 80-110 milioni", fra diritti tv e biglietti, si legge nel report. Bene anche As Roma(+3,4%) che parteciperà alla Conference League e con l'arrivo di José Mourinho in panchina gli investitori guardano alla prossima campagna acquisti.

Banca Ifis guadagna l'1,6% circa dopo l'acquisizione per 1 euro degli attivi di Aigis Banca, soprattutto prestiti a Pmi e depositi, a seguito della messa in liquidazione da parte del Tesoro per l'esposizione a Greensill Bank AG. Complice l'intervento da 49 milioni del Fondo interbancario, l'impatto su Cet1 e qualità del credito è immateriale. Secondo Equita, "l'operazione permette a Ifis di allargare il proprio raggio di attività con impatti non significativi sul Cet1, sebbene rimanga da valutare la sussistenza di rischi, al momento non noti, relativi al ramo d'azienda acquisito".

Sale dello 0,3% Campari sulla scia delle dichiarazioni dell'AD Bob Kunze-Concewitz secondo cui la società proseguirà con le acquisizioni, puntando sui marchi premium e guardando in particolare a Stati Uniti e Asia. Nel daily Equita rileva che "è la prima volta che l'Asia viene menzionata come possibile mercato target per acquisizioni". "Ci sembra coerente con il crescente focus commerciale e distributivo del gruppo negli ultimi trimestri su questa regione che oggi - escludendo l`Australia - vale solo 1,5% del fatturato", conclude il report.

Prosegue la corsa Safilocon un +1,9%.

Ben raccolta Erg che registra un balzo intorno al 3,5% dopo l'annuncio venerdì scorso dell'ingresso nel mercato fotovoltaico in Francia, rafforzando la presenza nel paese attraverso l'acquisizione di un portafoglio eolico e solare per circa 80 MW.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)