Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.198,33
    -22,29 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Borsa Milano estende rialzo con energia e automotive, pesante Trevi

Una donna davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari rimbalza dopo gli ultimi ribassi, in linea con le altre borse europee, anche se il clima di incertezza su economia e geopolitica continuano a suggerire prudenza.

Un trader sottolinea che oggi non ci sono driver forti e che i titoli in rialzo non sono accompagnati da grandi volumi, quindi il rimbalzo non sembra molto supportato.

Intorno alle 12,20 il FTSE Mib sale dell'1,2%. Volumi intorno a 1,09 miliardi di euro.

Tra i titoli in evidenza:

In recupero il comparto energia dopo le vendite della vigilia, con ENI, TERNA, ENEL, SAIPEM e ITALGAS tra i migliori del listino principale. Un operatore parla di semplici rimbalzi, in qualche caso trainati dallo stacco dividendi in programma lunedì: Eni, Terna e Tenaris sono tra le big che staccheranno la cedola il 21 novembre, oltre a Banca Mediolanum, Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Poste e Recordati.

Su Enel crescono intanto le attese per il nuovo piano industriale che sarà presentato martedì.

Vivace anche A2A (+2%) che ha preannunciato un aggiornamento del piano industriale il 23 novembre, che secondo banca Akros porterà chiarezza sulla strategia dell'utility in uno scenario difficile.

Accelera CNH, in rialzo del 2,7% dopo i recenti cali. Un trader ricorda che il titolo resta sottovalutato rispetto alla concorrente Deer, di cui ieri Moody's ha confermato il rating e migliorato l'outlook a positivo. Bene anche IVECO (+2,4%), mentre STELLANTIS sale di 1,8%, poco più del settore automotive europeo.

Banche per lo più positive, come in Europa, con BANCO BPM e INTESA SANPAOLO in rialzo di oltre 1%. Brillante FINECOBANK che sale del 2%. Nessun impatto significativo sui mercati dalla notizia - appena diffusa - che gli istituti di credito della zona euro hanno rimborsato anticipatamente 296 miliardi di euro di fondi Tltro III concessi dalla Bce, meno delle attese.

Tra i pochi ribassi LEONARDO (-0,9%).

Sale del 3,7% WEBUILD che ha vinto, in consorzio, un contratto ferroviario da 441 milioni di euro in Romania.

Crolla TREVI, in asta di volatilità con un calo superiore al 30% a 0,4 euro dopo l'annuncio, ieri a mercati chiusi, di una serie di misure per il rafforzamento patrimoniale della società, tra cui un aumento di capitale in opzione ai soci a un prezzo di emissione pari a 0,317 euro per azione.

(Claudia Cristoferi, editing Stefano Bernabei)