Italia markets close in 7 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    23.254,02
    -10,84 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.408,17
    -255,33 (-0,86%)
     
  • Petrolio

    60,00
    -0,64 (-1,06%)
     
  • BTC-EUR

    40.781,11
    +1.882,52 (+4,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    983,72
    -2,93 (-0,30%)
     
  • Oro

    1.719,00
    -4,00 (-0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,2003
    -0,0056 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     
  • HANG SENG

    29.095,86
    -356,71 (-1,21%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.709,09
    +2,47 (+0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8648
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1023
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5228
    -0,0004 (-0,02%)
     

Borsa Milano in lieve rialzo, strappano Leonardo e Moncler, giù Eni e Diasorin

·3 minuto per la lettura
Una donna con una mascherina davanti alla Borsa di Milano

MILANO, 19 febbraio (Reuters) - Cauti tentativi di risalita a Piazza Affari dopo tre sedute negative consecutive, in una giornata influenzata anche dai risultati societari di alcune big del listino.

A livello generale, sui mercati è in atto una fase di storno dopo il recente rally che vede le borse asiatiche e Wall Street di poco sotto i massimi storici.

"Milano sottoperforma ancora gli altri mercati, ma ha quasi del tutto colmato il gap al ribasso", osserva un trader.

A tenere banco sempre l'allentamento delle politiche monetarie e gli stimoli fiscali messi in atto dai vari Paesi per fronteggiare gli effetti della pandemia a cui si è aggiunta la campagna vaccinale.

Torna a scendere lo spread del rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi sotto i 97 punti base.

Sul fronte delle materie prime, storna il Brent che si riporta intorno ai 63 dollari al barile.

I risultati del quarto trimestre sopra le attese di Eni, ma con un 2020 pesantemente impattato dal crollo del prezzo del greggio, non scaldano il mercato che attende i dettagli della strategy al 2024 a breve. Il titolo cede l'1%. Nel daily Equita ritiene che "i risultati abbiano risvolti marginalmente positivi per il titolo, ma le informazioni più importanti riguardano la pubblicazione della nuova strategia e dell'outlook 2021. Ci attendiamo una conferma della strategia di transizione energetica di Eni", si legge nel daily.

La contrazione del prezzo del petrolio spinge le vendite anche su Saipem (-0,3%) e Tenaris (-1%).

Nel comparto delle rinnovabili, svetta ERG con un balzo del 2,8% dopo che ieri Equita ha alzato il prezzo obiettivo a 28,5 euro (+20%) confermando il "buy" in vista del ruolo che potrà avere l'azienda nella fase della transizione energetica. Oggi è la volta di Citigroup che ha portato il prezzo obiettivo a 28,3 euro da 26 euro.

In gran spolvero Moncler con un balzo del 5,4% dopo i risultati 2020, pubblicati ieri sera a borsa chiusa, che vedono ricavi in calo del 12% a causa degli effetti negativi della pandemia di coronavirus, ma con un deciso recupero nella seconda parte dell'anno al traino della Cina. JP Morgan ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo a 52 euro da 50 euro precedente e Kepler Cheuvreux a 58 euro da 44.

Oggi in generale ben raccolto il settore del lusso anche sulla scia dei risultati di Hermes: Brunello Cucinelli in salita del 2,3%, stesso rialzo anche per Tod's, mentre Ferragamo balza del 2% circa.

Strappa Leonardo con una crescita superiore all'8% sulle indiscrezioni di stampa secondo cui il Cda a metà della prossima settimana darà il via all'offerta pubblica di vendita e sottoscrizione per riportare al Nyse la controllata americana Drs. La società verrebbe valutata circa 3,5 miliardi di euro e "la cessione del pacchetto azionario dovrebbe assicurare al gruppo italiano della difesa e sicurezza un introito pari a circa 2,1 miliardi", si legge nell'articolo de Il Messaggero. Una fonte vicina alla società ha successivamente dichiarato che non è stata presa alcuna decisione in merito alla quotazione di Drs. Gli analisti di Equita scrivono che "se confermato il deal a questa valutazione sarebbe molto positivo in quanto Drs da sola rappresenterebbe quasi l'intera market cap di Leonardo".

Banche lievemente raccolte con le big Unicredit e Intesa Sanpaolo rispettivamente in rialzo dello 0,20% e 0,7%. Bene Bper (+1,4%).

Pesante anche oggi Diasorin con un ribasso del 4,2%, terza seduta negativa consecutiva.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)