Borsa, Milano in rialzo con banche: bene lusso e Mediaset, giù Telecom

Milano, 19 feb. (LaPresse) - La Borsa di Milano chiude in positivo sullo slancio dell'aumento della fiducia sull'economia tedesca. Il listino Ftse Mib guadagna l'1,57% a 16.664,42 punti e il Ftse All-Share mostra un incremento dell'1,49% a 17.642,84 punti. L'indice Zew che rileva le aspettative sull'economia tedesca è salito a 48,2 punti a febbraio dai 31,5 di gennaio, surclassando le attese degli analisti fermi a 36 punti. La Spagna ha invece collocato 4 miliardi di bond a breve scadenza, registrando tassi convenienti e una forte domanda. Negli Stati Uniti la fiducia dei costruttori ha segnalato un leggero calo, mentre Wall Street ha mostrato una vena leggermente positiva. In questo contesto chiudono in rialzo le principali Borse europee. L'indice Ftse 100 di Londra sale dello 0,96% a 6.379,07 punti, il Dax di Francoforte avanza dell'1,62% a 7.752,45 punti e il Cac 40 di Parigi guadagna l'1,88% a 3.735,82 punti. A Madrid l'indice Ibex cresce dell'1,44% a 8.225,3 punti.

Seduta positiva per il comparto bancario. Salgono Monte dei Paschi (+3,84% a 0,235 euro), Bper (+4,15% a 6,03 euro), Popolare di Milano (+2,28% a 0,583 euro), Banco Popolare (+1,63% a 1,436 euro), Intesa Sanpaolo (+2,13% a 1,393 euro), Mediobanca (+0,28% a 5,445 euro), Ubi Banca (+2,09% a 3,608 euro) e Unicredit (+2,41% a 4,332 euro). Ancora riflettori su Telecom Italia, che perde lo 0,4% a 0,622 euro. Telco, la holding di controllo a monte, ha chiuso il semestre al 31 ottobre con una perdita netta di 818 milioni di euro, dopo una svalutazione del valore della partecipazione in Telecom Italia di 920 milioni (fino a 1,2 euro per azione). Quella di oggi è anche la seduta successiva al cda in cui Telecom ha deciso di trattare in esclusiva con Cairo Communication (+12,44% a 2,892 euro) per la vendita di La7. La controllata TI Media, proprietaria della tv, reagisce con un tonfo del 9,07% a 0,1584 euro dopo il balzo di ieri del 10% circa.

Chiude in rosso Fiat (-1,37% a 4,31 euro), dopo i dati sul mercato auto a gennaio che segnano un calo delle immatricolazioni in Europa del 12,4% per la casa torinese. Tuttavia la quota di mercato del Lingotto è cresciuta di 0,6 punti percentuali al 6,6%. Tra gli industriali bene Prysmian (+2,03% a 16,06 euro), Fiat Industrial (+0,73% a 9,61 euro) e Finmeccanica (+2,09% a 4,096 euro), che ha rivendicato la correttezza del suo operato nell'affare AgustaWestland con l'India e ha detto che collaborerà nell'ambito dell'inchiesta. Bene anche la controllata Ansaldo Sts (+1,66% a 7,36 euro). Tra gli altri titoli vola Mediaset (+5,17% a 1,912 euro) e termina piatto Impregilo (-0,05% a 4,02 euro), rimanendo vicino al prezzo dell'Opa di Salini. Infine sotto i riflettori il comparto del lusso dopo i buoni dati preliminari 2012 diffusi da Prada (ricavi +29%). Mostrano acquisti Tod's (+5,39% a 105,6 euro), Luxottica (+1,54% a 34,38 euro) e Ferragamo (+3,65% a 21,59 euro).

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito