Italia markets close in 5 hours 33 minutes
  • FTSE MIB

    23.783,42
    +101,85 (+0,43%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,77
    +0,72 (+1,11%)
     
  • BTC-EUR

    45.501,06
    +3.319,53 (+7,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.093,70
    +69,49 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.699,50
    +21,50 (+1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1903
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.779,12
    +15,88 (+0,42%)
     
  • EUR/GBP

    0,8575
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,1084
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5002
    +0,0008 (+0,06%)
     

Cambio EUR/USD Mira a Raggiungere Quota 1,2170

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il calo del dollaro statunitense, che ha spinto al rialzo le principali commodities, ha anche giovato al cambio EUR/USD, che dopo il rally della fine della settimana scorsa ha ritrovato ieri nuovo vigore.

Inoltre, anche i dati sull’indice IFO tedesco, che misura le attese delle aziende in Germania, hanno riportato valori ancor più ottimistici delle attese.

Previsioni di breve periodo sul cambio EUR/USD

Attualmente, alle ore 9.00, il cambio EUR/USD si muove, leggermente rialzista, intorno a quota 1,2164. Quanto invece all’indice del dollaro statunitense, questo si trova vicinissimo ai 90 punti.

Il prezzo resta dunque sotto la soglia di 1,2170 (non toccata da 1 mese), ma continua ad avvicinarsi a tale valore e potrebbe adesso riprendere la sua corsa per tentare uno sfondamento già nelle prossime ore.

Allo stato attuale, i primi livelli di supporto sono rappresentati da quota 1,2100 e più indietro ancora a 1,2060, mentre l’ultimo livello è quello di 1,2015, per il momento particolarmente “protetto” dalle soglie precedenti.

Dopo la prima resistenza, invece, i valori successivi da affrontare sarebbero quelli di 1,2215 e poi ancora di 1,2250. Francamente, però, il raggiungimento di queste soglie di resistenza richiederebbe una maggiore spinta da parte dell’euro, che si trova ad affrontare un biglietto verde ancora solido a causa dei rendimenti USA.

I principali eventi della settimana per il Fiber

Dopo i dati IFO tedeschi, l’economia tedesca resterà al centro dell’attenzione con il PIL dell”ultimo trimestre del 2020 e con gli aggiornamenti mensili sui sentiment dei privati a Marzo 2021.

Sempre per l’euro, sul finire della settimana si conosceranno anche i dati sul PIL francese, sicuramente di minore impatto per il cambio EUR/USD.

Anche dagli USA, si conosceranno i dati sulla fiducia dei consumatori e sul Prodotto Interno Lordo, mentre giovedì si conoscerà l’aggiornamento sulle richieste di sussidi di disoccupazione.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: