Italia Markets close in 6 hrs 5 mins

Coronavirus: più contagiati che con la Sars


La provincia cinese di Hubei, dove si trova la città di Wuhan, focolaio del coronavirus cinese, ha annunciato 25 nuovi decessi e 840 nuovi contagi solo nelle ultime ore. Sale a 6mila, insomma, il numero delle persone infette in Cina e a 132 quello dei morti a causa del misterioso virus. Per non parlare degli oltre 9mila malati sospetti ancora in attesa di conferma. I casi di contagio hanno ormai superato quelli dell'epidemia di Sars del 2002-2003, che si fermò a 5.327 pazienti. Ma la mortalità è più bassa: 3% contro il 10% della Sars.



Il volo per rimpatriare gli italiani

L'Unità di Crisi della Farnesina, in stretto coordinamento con il ministero della Difesa, il Ministero della Sanità e l'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani", ha fatto sapere che il volo per riportare in patria gli italiani bloccati a Wuhan sarà operato giovedì 30 gennaio dal Comando Operativo di Vertice Interforze.

A bordo dell'aereo sarà presente il personale medico specializzato e, all'arrivo in Italia, i connazionali dovranno seguire chiaramente il protocollo sanitario indicato dal governo.

Australiani in isolamento sull'isola "carcere"

L'Australia, che ha recuperato i suoi concittadini dalla Cina, ha deciso di spedirli tutti sull'isola di Christmas, nell'oceano Pacifico centrale, dove trascorreranno un periodo di quarantena per combattere la diffusione dell'epidemia nel Paese. Lo ha reso noto il premier australiano, Scott Morrison, spiegando che verrà data attenzione prioritaria a bambini e anziani potenzialmente infetti.


GUARDA IL VIDEO: Cina, in costruzione l'ospedale antivirus


Ottenuta una copia del coronavirus

È sempre l'Australia a far sapere che il team degli scienziati del Doherty Institute di Melbourne è riuscito a ricreare una copia del coronavirus cinese. Una svolta, questa, nella lotta contro l'epidemia virale. "Ottenere il vero virus significa che ora abbiamo la capacità di convalidare e verificare tutti i nostri test e di confrontare reazioni e sensibilità", ha spiegato uno dei direttori del laboratorio, Julian Druce. "È essenziale per la diagnosi".


GUARDA IL VIDEO: Le fake news sul Coronavirus: dal cibo cinese ai pacchi presi online