Italia Markets close in 4 hrs 17 mins

I dati economici mettono l’EUR e il GBP sotto i riflettori…

Bob Mason

Questa mattina:

Questa mattina è stata un’altra sessione asiatica relativamente tranquilla sul calendario economico.

I dati economici durante la sessione sono stati limitati ai dati sulla fiducia delle imprese NAB in Australia per luglio.

Al di fuori dei dati, ci aspettiamo che lo Yuan e qualsiasi chiacchiera da Washington e Pechino sul commercio rimangano il driver chiave.

Con i mercati finanziari globali sensibili alle indiscrezioni geopolitiche, ogni ulteriore accenno di elezioni anticipate italiane potrebbe testare la propensione al rischio. Con l’Italia, la nona economia in ordine di grandezza, l’interruzione politica nel clima economico attuale non sarà una buona cosa.

Per il dollaro australiano

L’indice di fiducia delle imprese NAB è salito da 2 a 4 a luglio, anticipando un aumento previsto a 3. Secondo l’ultimo sondaggio,

  • A seguito di un peggioramento della fiducia delle imprese, gli indicatori a termine continuano a dipingere un quadro non ottimistico a breve termine.
  • A luglio, la fiducia ha visto un miglioramento marginale dopo un ribasso a giugno, mentre le condizioni hanno visto un ulteriore ribasso.
  • Gli ordini futuri sono rimasti ben al di sotto della media di lungo periodo e in territorio negativo.
  • Mentre l’utilizzo della capacità è tornato nella media di lungo periodo, le condizioni di lavoro sono peggiorate.
  • Guardando i sottoindici:
    • Le condizioni di business sono passate da 4 a 2, con il sottoindice di negoziazione che è passato da 7 a 6 e l’indice di occupazione che è sceso da 5 a 0. L’indice di redditività ha recuperato da -1 a 0 nel mese.
    • Il sottoindice delle esportazioni è sceso da 1 a 0.
    • Sul fronte positivo, c’erano alcune prove della pressione sui prezzi. Il sottoindice dei costi di acquisto è passato da 0,7 a 1,0, con il sottoindice dei prezzi dei prodotti finali in aumento da 0,2 a 0,5.
  • Per l’RBA, l’indagine continua a evidenziare debolezza nel settore del commercio al dettaglio. L’indagine dell’NBA ha rilevato che la debole crescita del reddito delle famiglie e livelli elevati di debito rimangono un fattore importante.

Il dollaro australiano è passato da 0,67560$ a 0,67605$ al momento del rilascio dei dati. Al momento della redazione, il dollaro australiano era in rialzo dello 0,12% a 0,6760$.

Altrove

Al momento della redazione, lo yen giapponese era in ribasso dello 0,07% a 105,37 ¥ contro il dollaro statunitense, mentre il dollaro kiwi era in rialzo dello 0,08% a 0,6453$.

Nei mercati azionari asiatici, all’inizio della sessione c’è stata dell’avversione al rischio, poiché le major hanno risposto al ribasso statunitense di lunedì. Il Nikkei ha aperto la strada, in ribasso dell’1,21%. Mentre Hang Seng e CSI300 erano in ribasso rispettivamente dello 0,86% e dello 0,57%, l’ASX200 era in ribasso dello 0,09%.

Per il resto della giornata:

Per l’EUR

È una giornata relativamente impegnativa in vista sul calendario economico. I dati sul sentimento economico ZEW della Germania e dell’Eurozona saranno i fattori chiave. I numeri di inflazione finalizzati a luglio su Spagna e Germania avranno probabilmente un impatto ridotto sulla giornata.

Mentre possiamo aspettarci che i dati abbiano un impatto, anche la geopolitica sarà al centro dell’attenzione. Mentre la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina rimarrà il fattore trainante, ulteriori aggiornamenti dall’Italia influenzeranno anche la giornata. E c’è HK da considerare…

Al momento della stesura di questo articolo, l’EUR era in ribasso dello 0,05% a 1,1208$.

Per la sterlina

È una giornata impegnativa sul fronte dei dati. Crescita salariale e dati sull’occupazione sono in uscita dal Regno Unito più tardi questa mattina.

Mentre ci aspettiamo che la crescita dei salari abbia un impatto, il dato relativo al conteggio dei richiedenti sussidi di disoccupazione di luglio avrà probabilmente il maggiore impatto.

Con gli indicatori economici che ora lampeggiano in rosso, oggi, dati deboli peserebbero su una sterlina già sulla difensiva. I livelli al di sotto dei 1,20$ non sembrerebbero inverosimili in vista dei dati sull’inflazione di domani.

Escludendo qualsiasi chiacchiera sulla Brexit, il sentimento verso l’economia del Regno Unito fornirà alla sterlina la direzione del giorno.

Al momento della redazione, la Sterlina era in ribasso dello 0,01% a 1,2075$.

Oltreoceano

È un giorno relativamente tranquillo per il biglietto verde. I dati chiave che usciranno dagli Stati Uniti più tardi includono i dati sull’inflazione di luglio.

Possiamo aspettarci che il dollaro sia sensibile a qualsiasi allentamento delle pressioni inflazionistiche. Il sentimento negativo verso l’economia degli Stati Uniti, alimentato dall’escalation nella guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ha aumentato le prospettive di un altro taglio dei tassi della FED.

Al di fuori dei dati, aspettatevi che qualsiasi chiacchiera dallo Studio Ovale fornisca una direzione alla giornata.

Al momento della redazione, il Dollar Spot Index era in rialzo dello 0,08% a 97,457.

Per il Loonie

È un altro giorno tranquillo sul calendario economico. Non ci sono dati rilevanti che forniscano la direzione al Loonie.

Sebbene non vi siano dati rilevanti, il rapporto mensile dell’OPEC susciterà probabilmente molto interesse. Con i sauditi che cercano di stabilizzare i prezzi del greggio, l’attenzione si concentrerà sull’eventuale intenzione di riequilibrare la produzione.

Al momento della redazione, il Loonie era in rialzo dello 0,01% a 1,33238$C, contro il dollaro statunitense.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: