I mercati italiani aprono fra 8 ore 19 min

Dove vivere di rendita all'estero con una pensione italiana

Filippo Panza
Speciali Yahoo! Finanza

Avete lavorato per 40 anni e ora la vostra pensione non vi soddisfa? Pensate che l’Italia non sia un paese dove le esigenze della terza età siano davvero tenute in considerazione? C’è una soluzione ai vostri problemi: trasferirsi all’estero. E il consiglio potrebbe valere sempre di più per chi oggi è giovane e ha iniziato da poco a frequentare un mercato del lavoro frammentato e insicuro. Una situazione che, a partire dall’attuale riforma Fornero e molto probabilmente con quelle a seguire nei prossimi anni, garantirà una pensione non prima dei 70 anni e con un assegno previdenziale di circa il 50 per cento dell’ultima retribuzione. Se fino a poco tempo fa la scelta di lasciare tutto per godersi l’ultima fase della propria vita lontano dall’Italia, magari in una meta esotica, era nella mente di qualche eccentrico o di pensionati dalle tasche piene, negli ultimi anni sono sempre di più quelli che abbandonano il fu Bel Paese.

Leggi anche: Vivere con meno di 1000 euro al mese

Le statistiche parlano chiaro. I numeri dell’Inps (Istituto nazionale della previdenza sociale), riportati recentemente dal settimanale “Panorama”, dicono che sono 400mila gli italiani che hanno deciso di trasferirsi all’estero. Un dato davvero notevole, anche se comprende emigrati di lungo corso e residenti in altri paesi con doppia cittadinanza. Qualche volta si lascia l’Italia solo per alcuni mesi dell’anno, quasi sempre per il clima e per i costi. Solo sei anni fa erano 24mila quelli che realizzavano il sogno di vivere sulle cosiddette “spiagge dell’Inps”. Thailandia, Indonesia, Santo Domingo, Costa Rica, Brasile, Canarie, Tunisia, Capo Verde e Kenya sono le destinazioni preferite dai nostri connazionali. Spesso si inizia con una lunga villeggiatura, poi il richiamo dell’Italia si allontana e si cambia vita definitivamente.  A fare questa scelta sono soprattutto i pensionati che, pur non navigando nell’oro, hanno un discreto assegno previdenziale o una rendita messa da parte nel corso della loro attività lavorativa. Due condizioni che rendono possibile spendere dai 600 ai mille euro al mese per godersi le giornate ai Caraibi, in Oriente o in Africa.

Leggi anche: Come andare in pensione prima


Decidere di abbandonare il proprio paese e rifarsi una vita non è mai facile. Nel caso dei pensionati italiani all’estero la regola essenziale è migliorare il tenore della propria esistenza. Da tutti i punti di vista, non solo economico. Per questo la scelta cade innanzitutto sull'America Latina o Centrale, in particolare Panama e Messico. Qui, infatti, acquistare un immobile richiede meno complicazioni che in Italia. I governi, inoltre, con lo scopo di dare impulso ai consumi locali, offrono agevolazioni finanziarie e incentivi fiscali che attirano come il miele gli over 65 nostrani. Se l’Asia, con la Thailandia e l’arcipelago maltese in testa, è un’altra delle aree preferite dagli attempati ‘profughi’ italiani, anche la vecchia Europa riesce ancora a difendersi. Nonostante la crisi e i costi ancora abbastanza alti, infatti, l’isola di Malta, anche per la diffusione della lingua inglese, è una delle mete più gettonate. E non sono disdegnate tappe tipiche dell’Europa dell’Est come la Polonia e l’Ungheria. D’altro canto non è sicuramente un caso, come riportato da Panorama, che nell’ultimo anno e mezzo siano cresciuti del 40 per cento accessi e richieste di contatto al sito Voglioviverecosì.com, un portale che ospita storie sull’esodo degli italiani di tutte le età.

Chi ha tra i 60 e i 70 anni e decide di lasciare l’Italia, difficilmente crede di poter recitare la parte di zio Paperone. Certo aiuta a sentire il portafogli meno leggero pagare il 25 per cento di tasse sul 20 per cento del reddito come avviene in Tunisia, comprare casa per 20mila euro come succede in Thailandia o vivere a Bali con 800 euro al mese. Ci sono, però, anche molti aspetti pratici di cui occuparsi. Dall’aprire un conto in banca nel paese di destinazione al pensare all’assicurazione sanitaria. Soprattutto, poi, sono necessari un forte spirito di adattamento e la passione per la scoperta. Non sarebbe male, inoltre, diventare seguaci convinti della cosiddetta filosofia del “downshifting” (semplicità volontaria), che consiste nel rallentare la corsa al lavoro per abbracciare ritmi incentrati sul benessere psicofisico.


Ma chi sono con precisione i pensionati italiani che vivono all’estero? Per capire il fenomeno bisogna partire da un dato di fatto. L’ultimo bilancio sociale dell’Inps, riferito al 2011, ha mostrato che l’assegno medio per le pensioni di vecchiaia ammonta a 649 euro, mentre per le pensioni di anzianità si sale a 1.514 euro. Ben 7,2 milioni di persone vivono con una pensione inferiore ai mille euro al mese. Si tratta del 52 per cento dei pensionati Inps. Nello specifico il 17 per cento ha un reddito sotto i 500 euro e il 35 per cento tra i 500 e i 1000 euro. Più fortunati, invece, i 3,3 milioni  (24 per cento) che possono contare su redditi pensionistici che si collocano nella fascia tra i mille e i 1.500 euro mensili. Poi il 12,7 per cento si colloca tra i 1.500 e 2mila e il restante 11,2 per cento addirittura supera i 2mila euro mensili.

Definire i contorni esatti del fenomeno non è facile. Le incertezze sono soprattutto legate al numero accertato di quanti pensionati all’estero conservino appieno ancora oggi il diritto, ossia quanti di loro siano ancora in vita. In ogni caso, per questa particolare categoria, le cifre parlano di assegni previdenziali complessivi di più di un miliardo all’anno. E i più ricchi sono in Asia e America settentrionale. Dei 400mila pensionati italiani che si sono trasferiti all’estero, circa 29mila sono lombardi, il gruppo più numeroso. In testa bergamaschi, bresciani e milanesi. Se si scende nello specifico, secondo i dati Inps, in Thailandia i pensionati lombardi che hanno fatto il salto definitivo sono 30 (erano 25 nel 2010), in Brasile sono 726, nelle Filippine 28, in Spagna, isole Canarie comprese, sono 640 contro i 597 del 2006, in Marocco nel 2011 per la prima volta le statistiche hanno rilevato un gruppo di 20, mentre nella Repubblica Dominicana sono 47. A Santo Domingo, dove l’assistenza sanitaria con una assicurazione privata costa circa 600 euro all’anno, i posti più frequentati sono Samanà, Cabarete e Boca Chica.

Se in Italia il fenomeno di chi decide di andare all’estero a godersi la pensione è molto recente e solo ora comincia ad essere interessante per gli operatori turistici ed immobiliari, nella cultura anglosassone ha una lunga tradizione. Basti pensare che negli Stati Uniti da anni si parla di “early retirement abroad”, ritiro prematuro all’estero. Protagonisti sono i “baby boomers”, la generazione nata più o meno tra il 1945 e il 1964. Secondo le stime di “Escape from America Magazine”, riferite al 2010, solo in America sono più di 8mila le persone tra i 45 e i 65 anni che vanno in pensione ogni giorno. Migliaia scelgono di cambiare vita trasferendosi in un posto nuovo. E l’Europa? Per i prossimi anni la direzione dei governi del Vecchio continente è un innalzamento dell’età del ritiro dall’attività lavorativa a 67 anni. Manca ancora una strategia comune. Nell’attesa, però, c’è da giurarci che sempre più pensionati ne approfitteranno per scappare sotto il sole dei Caraibi o dell’Oriente.