Italia markets close in 55 minutes
  • FTSE MIB

    22.854,53
    -229,02 (-0,99%)
     
  • Dow Jones

    31.435,20
    +43,68 (+0,14%)
     
  • Nasdaq

    13.179,12
    -179,67 (-1,34%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,79
    +1,04 (+1,74%)
     
  • BTC-EUR

    42.168,94
    +742,82 (+1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.016,60
    +28,51 (+2,88%)
     
  • Oro

    1.710,70
    -22,90 (-1,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2064
    -0,0023 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.849,54
    -20,75 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.690,12
    -17,60 (-0,47%)
     
  • EUR/GBP

    0,8655
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,1067
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5248
    -0,0023 (-0,15%)
     

EUR/USD: il Fiber Approccia Nuovamente Quota 1,21

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Come raccontato negli scorsi giorni, la settimana che volge al termine quest’oggi è stata molto ricca di market movers di rilievo per il cambio EUR/USD, con in testa i verbali della Banca Centrale Europea che hanno contribuito a fare apprezzare la moneta unica.

Il Cambio EUR/USD si è infatti spinto al rialzo tentando di accorciare quanto più possibile le distanze dal livello di resistenza principale e ha infine raggiunto quota 1,21.

Cambio EUR/USD sopra quota 1,21

Stamattina, alle ore 8:30, il Fiber si trova per l’esattezza a quota 1,2103 e le prossime ore si riveleranno fondamentali per tentare di intuire le mosse successive.

Se infatti l’euro dovesse riuscire a mantenersi sopra questa soglia, allora si potrebbe avviare una fase di consolidamento prima di un nuovo tentativo di rialzo verso quota 1,2150, un valore che fino a un paio di sedute fa appariva incredibilmente lontano.

Con i rendimenti dei bond USA a 10 anni sopra l’1,3%, il dollaro statunitense potrebbe però continuare ad apprezzarsi limitando o frenando del tutto la corsa della moneta unica.

Un Breve Riassunto dei Verbali della BCE

Ancora una volta, in primo luogo, la BCE ha ribadito la necessità di monitorare il cambio euro dollaro per tentare di valutare le condizioni di finanziamento nell’area dell’euro e per rispettare l’outlook dell’inflazione.

La BCE ha inoltre reputato necessario il mantenimento dell’attuale politica monetaria espansiva, insieme a importanti interventi fiscali da parte dei singoli Governi, come quelli già citati dal nuovo Presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, nel suo discorso nel giorno della Fiducia.

Quanto alle misure di stimolo, il pacchetto annunciato a Dicembre si manterrà ancora valido e permetterà di preservare le condizioni di finanziamento favorevoli per tutta la pandemia, tentando al contempo di incoraggiare i consumi dei privati e gli investimenti delle imprese.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: