Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.178,08
    -35,81 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Forex, dollaro in rialzo dopo Fed 'hawkish', sterlina in calo

L'illustrazione mostra le banconote del dollaro statunitense

LONDRA (Reuters) - Il dollaro si apprezza, sostenuto da un solido rialzo dei rendimenti dei Treasuries, dopo che la Federal Reserve ha segnalato che i tassi probabilmente vedranno un picco oltre il livello attualmente ipotizzato dal mercato.

In calo invece la sterlina in attesa del meeting della Banca d'Inghilterra da cui gli investitori si aspettano un rialzo da 75 punti base che, se confermato, sarebbe il più ampio dal 1989.

Ieri la Fed ha alzato i tassi di 75 punti base a 3,75-4% in linea con le attese. Il dollaro dapprima è sceso, zavorrato dai riferimenti contenuti nel comunicato a rialzi dei tassi di minor entità, per poi rimbalzare quando Jerome Powell ha messo in chiaro che la lotta contro l'inflazione richiederà ulteriori ritocchi del costo del denaro.

I toni hawkish di Powell hanno spazzato via le speranze che la banca centrale potesse presto dirigersi verso una politica monetaria meno aggressiva spingendo la valuta Usa a un massimo di due settimane sull'euro a 0,9810.

Il tasso del Treasury a 2 anni sale di 11 punti base a 4,68%, massimo da luglio 2007.

La sterlina cede lo 0,5% sul dollaro a 1,13325, e dello 0,1% sull'euro a 86,22 a poche ore dal meeting della Banca d'Inghilterra.

(versione italiana Sara Rossi, editing Sabina Suzzi)