Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.006,64
    -697,09 (-1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Forex, dollaro risale da minimi due settimane toccati dopo dati inflazione Usa

·1 minuto per la lettura
Banconote di dollaro Usa

SINGAPORE (Reuters) - Il dollaro recupera dai minimi da due settimane toccati dopo dati deboli sull'inflazione Usa e la rinnovata promessa della Fed di tenere i tassi bassi per sostenere l'economia, in una seduta che vede chiusi per festività i mercati di Cina e Giappone.

Contro un paniere di sei valute, il biglietto verde guadagna lo 0,05%.

Lettura piatta per l'inflazione core Usa a gennaio, contro attese che erano per un rialzo dello 0,2%, secondo i dati diffusi ieri.

In un intervento il presidente della Fed, Jerome Powell, si è concentrato sui numeri della disoccupazione ancora alti e ha ribadito che la nuova cornice della politica della Fed potrebbe consentire un'inflazione tendenziale sopra il 2% per un po' prima di alzare i tassi.

"In altre parole, la politica accomodante è destinata a restare a lungo, e questo dovrebbe essere negativo per il dollaro", commenta Imre Speizer, analista di Westpac.