Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.285,14
    +243,55 (+1,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    334,32
    -3,18 (-0,94%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8997
    +0,0081 (+0,91%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0022 (+0,21%)
     
  • EUR/CAD

    1,5538
    +0,0036 (+0,23%)
     

Germania, produzione industriale settembre cresce meno del previsto causa virus

·2 minuto per la lettura
Bandiera tedesca davanti alla sede del Bundestag
Bandiera tedesca davanti alla sede del Bundestag

BERLINO (Reuters) - La produzione industriale in Germania è cresciuta meno delle attese a settembre, con la crisi del coronavirus che ha rallentato le attività.

È quanto comunicato dall'ufficio di statistica, a segnale che la prima economia europea potrebbe non riuscire a evitare un doppia contrazione.

La produzione industriale è cresciuta dell'1,6% su mese. Un sondaggio Reuters aveva previsto un aumento del 2,7%.

L'aumento è stato trainato da un rimbalzo del settore auto, il principale settore produttivo in Germania, che ha visto un aumento della produzione del 10,1% a settembre a seguito di una flessione del 10,3% ad agosto.

"Il settore manifatturiero sta reagendo", ha detto il ministero dell'Economia in una nota.

"I nuovi ordini e il morale delle imprese suggeriscono che il processo di ripresa proseguirà, anche se il percorso potrebbe diventare sempre più accidentato con il diffondersi della pandemia".

L'economia è cresciuta di una percentuale record dell'8,2% nel terzo trimestre su un aumento dei consumi e delle esportazioni, ma una seconda e aggressiva ondata di contagi record e un nuovo lockdown parziale stanno già deprimendo le proiezioni per il quarto trimestre e oltre.

Si sta delineando un quadro in cui il settore industriale cresce nonostante la pandemia, mentre soffre quello dei servizi.

Un'indagine pubblicata mercoledì mostra che l'attività dei servizi ha registrato una flessione per la prima volta in quattro mesi a ottobre, segnalando che l'economia era in sofferenza già prima che il lockdown parziale venisse imposto.

Secondo le previsioni dell'economista di Ing Carsten Brzeski il settore industriale potrebbe dare slancio all'economia con l'ingresso nel quarto trimestre ma, ha avvertito, nuove misure di lockdown e una domanda più debole da parte di altri Paesi della zona euro potrebbero significare che "questo slancio potrebbe non essere sufficiente per evitare una seconda flessione per l'economia tedesca".

I dati economici tedeschi pubblicati di recente hanno mostrato un indebolimento della ripresa.

Gli ordini all'industria sono cresciuti meno delle attese a settembre, con il calo degli ordini nella zona euro, secondo i dati pubblicati ieri. [nL8N2HR2AR] La fiducia delle imprese è scesa per la prima volta in sei mesi a ottobre a causa dei timori relativi all'aumento dei casi di coronavirus.

L'istituto Ifo ha reso noto oggi che le attese relative alla produzione del settore industriale per i prossimi mesi hanno subito un lieve calo, aggiungendo che non è ancora del tutto chiaro quale sarà l'impatto delle misure di lockdown.

Lunedì la Germania ha chiuso bar, ristoranti, palestre, cinema, teatri e fermato il turismo interno per un mese per combattere la diffusione del coronavirus.

Il governo ha detto che piccole e medie imprese potranno richiedere una compensazione pari al 75% dei ricavi da novembre 2019 fino a un massimo di un milione di euro.