Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.022,52
    +244,76 (+0,70%)
     
  • Nasdaq

    13.530,24
    -221,99 (-1,61%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2161
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    47.109,71
    -480,63 (-1,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.527,62
    -33,68 (-2,16%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.226,10
    -6,50 (-0,15%)
     

Greggio intorno parità, situazione Covid India limita guadagni

di Bozorgmehr Sharafedin
·1 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera nel bacino del Permiano nella contea di Loving

di Bozorgmehr Sharafedin

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono quasi del tutto invariati, con le speranze di una ripresa della domanda -- mentre accelera la crescita in Europa e le misure di lockdown vengono allentate -- relegate in secondo piano da un nuovo record di contagi giornalieri registrato in India.

Alle 11,50 i futures sul Brent sono in calo di 9 centesimi, pari a 0,1%, a 65,31 dollari al barile, mentre i futures sul greggio Usa guadagnano 4 centesimi, lo 0,07%, a 61,47 dollari al barile.

L'indice Pmi della zona euro di aprile ha mostrato una ripresa dalla pandemia più decisa delle attese.

"I prezzi del petrolio ricevono un marginale sostegno da dati Pmi più solidi nella zona euro, un dollaro più debole e dai piani per l'allentamento delle restrizioni in alcuni Paesi europei", ha detto Giovanni Stanuovo, analista di Ubs.

"I timori relativi alla domanda in India a causa dell'aumento di casi di Covid stanno limitando tuttavia il rialzo".

Entrambi gli indici di riferimento sono impostati per archiviare la settimana in calo di circa il 2% a causa della recrudescenza di contagi in India e Giappone -- rispettivamente terzo e quarto Paese al mondo per importazioni di petrolio.

Anche dagli Stati Uniti giungono dati macro positivi, con il numero dei cittadini statunitensi che hanno presentato richiesta di sussidi di disoccupazione la scorsa settimana sceso ai minimi di 13 mesi.

Valero, società statunitense attiva nella raffinazione, ha reso noto che la domanda di benzina e diesel è tornata rispettivamente al 93% e 100% dei livelli pre-pandemia.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)