Italia markets close in 3 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    24.483,79
    -64,05 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    33.947,10
    -482,78 (-1,40%)
     
  • Nasdaq

    11.239,94
    -221,56 (-1,93%)
     
  • Nikkei 225

    27.885,87
    +65,47 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    75,85
    -1,08 (-1,40%)
     
  • BTC-EUR

    16.185,78
    -335,18 (-2,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    401,57
    -9,64 (-2,35%)
     
  • Oro

    1.790,30
    +9,00 (+0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,0523
    +0,0025 (+0,24%)
     
  • S&P 500

    3.998,84
    -72,86 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    19.441,18
    -77,11 (-0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.949,50
    -7,03 (-0,18%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9874
    -0,0010 (-0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4328
    +0,0072 (+0,50%)
     

Gucci affronta arduo compito di sostituire Alessandro Michele

Lo stilista di Gucci Alessandro Michele durante la Settimana della moda di Milano

PARIGI (Reuters) - L'improvviso addio a Gucci di Alessandro Michele, il designer dallo stile eccentrico preferito da Harry Styles e Lady Gaga, aumenta la pressione sulla controllante Kering che si trova a dover affrontare un rallentamento della crescita dei ricavi della casa di moda italiana.

La notizia dell'uscita del direttore creativo dopo sette anni arriva mentre Kering sta cercando di rilanciare il marchio, che lo scorso anno ha rappresentato due terzi degli utili del gruppo, in vista della redditizia stagione dello shopping natalizio.

Ci sono state forti tensioni tra lo stilista e il management della società, hanno riferito fonti a Reuters.

Annunciando le sue dimissioni mercoledì, Michele ha fatto riferimento alle "differenti prospettive che ciascuno di noi può avere".

Il presidente e Ceo di Kering François-Henri Pinault ha lodato il lavoro dello stilista come "un momento eccezionale" nella storia di Gucci. Pinault non ha nominato un successore.

Senza un ovvio sostituto, gli analisti sottolineano che l'uscita di Michele ha creato un vuoto che il marchio deve colmare rapidamente.

"Questo solleva a nostro avviso alcune questioni in merito all'esecuzione e all'evoluzione del brand nei prossimi mesi, lasciando ulteriore incertezza sui tempi di accelerazione dello slancio del marchio", ha commentato ieri Chiara Battistini, analista di JP Morgan, in una nota di ricerca.

La partenza di Michele è "più che la semplice uscita di scena di uno degli stilisti più iconici dell'ultimo decennio", affermano gli analisti di Jefferies, che parlano di un probabile "ripensamento più profondo" del marchio da parte di Kering.

"Il passo successivo ora è necessariamente più complesso", aggiungono.

Le azioni di Kering, che vale più di 66 miliardi di euro, sono rimaste indietro rispetto alle rivali negli ultimi anni. Quest'anno hanno perso un quarto del loro valore.

MOCASSINI DI PELLICCIA

Michele, che ha compiuto 50 anni oggi, ha dato nuova vita al marchio con i suoi modelli eccentrici e gender-fluid, molto apprezzati dagli acquirenti più giovani.

I primi successi sono stati i mocassini foderati di pelliccia, impreziositi dal morsetto equestre, tipico del marchio, che hanno superato i 1.000 dollari e la borsa Dionysus, con tracolla a catena e fibbia con testa di tigre, che parte da circa 900 dollari per le taglie mini.

Dopo essere stato promosso dal ruolo di designer di accessori a quello di direttore creativo nel 2015, Michele ha contribuito ad alimentare gli utili del brand, che sono quadruplicati al 2019, mentre il fatturato è salito a quasi 10 miliardi di euro da meno di 4 miliardi.

Negli ultimi anni la crescita è rallentata, mentre rivali come Dior e Louis Vuitton, di proprietà del gruppo del lusso rivale Lvmh, hanno fatto passi da gigante.

Le vendite del terzo trimestre della divisione moda e pelletteria di Lvmh sono aumentate del 22%, mentre Gucci ha registrato una crescita del 9%, inferiore a quella prevista dal mercato e che alcuni analisti hanno attribuito al calo dell'appetito per gli stili del direttore creativo.

Gli analisti hanno messo in discussione l'obiettivo a medio termine di 15 miliardi di euro di vendite annuali, fissato a giugno.

Il marchio ha anche sofferto per i lockdown contro il Covid-19 in Cina, dove dispone di un'ampia rete di negozi e di una maggiore esposizione rispetto ad altri colossi del settore.

Secondo le stime di Barclays, la Cina genera circa il 35% delle vendite annuali di Gucci, rispetto al 27% della divisione moda e pelletteria di Lvmh e al 26% di Hermes.

AGIRE IN FRETTA

Il tempo non è dalla parte dell'iconico marchio.

Sebbene una svolta così radicale sia positiva, "potrebbe volerci circa un anno per vedere i risultati di qualsiasi cambiamento estetico", commenta Ubs, citando i tempi di ideazione e produzione.

Gli osservatori del settore sostengono che esiste un ampio bacino di potenziali direttori creativi, che vanno da stilisti famosi a nomi relativamente sconosciuti che potrebbero essere scelti all'interno dell'azienda, come è successo a Michele.

Un nuovo direttore potrebbe dare al marchio una direzione completamente nuova con un approccio 'tabula rasa', come ha fatto Demna Gvasalia a Balenciaga, o basarsi sulla direzione di uno stilista precedente come Anthony Vaccarello, che ha seguito Hedi Slimane a Saint Laurent, ha detto Serge Carreira, responsabile dei marchi emergenti presso la federazione francese dell'alta moda Fhcm.

"Si potrebbe anche mantenere lo status quo per un certo periodo e prendersi una pausa di circa un anno", ha aggiunto Carreira. Il team esistente potrebbe continuare a disegnare collezioni, proprio come ha fatto il team della moda uomo di Louis Vuitton, dopo la morte dello stilista Virgil Abloh lo scorso anno.

Ma data la forza dell'estetica di Michele e l'identità del marchio, un cambio di posizionamento potrebbe significare più una "rivoluzione che un'evoluzione", ha detto Battistini di Jp Morgan.

"Questo, a nostro avviso, potrebbe significare un periodo di relativa perturbazione, sia dal punto di vista operativo che finanziario, che potrebbe ulteriormente mettere in pausa la storia di re-rating di Kering", ha aggiunto.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Sabina Suzzi)