Italia markets open in 9 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,1862
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    10.791,90
    +1.462,50 (+15,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,69
    +11,80 (+4,82%)
     
  • HANG SENG

    24.797,65
    +43,23 (+0,17%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Il coronavirus si sta evolvendo: parla lo scienziato italiano in Usa

Primo Piano
·2 minuti per la lettura
Il coronavirus si sta evolvendo: parla lo scienziato italiano in Usa (Getty Images)
Il coronavirus si sta evolvendo: parla lo scienziato italiano in Usa (Getty Images)

Il coronavirus si sta evolvendo verso “una forma meno cattiva” a giudicare dalle “mutazioni e la delezione che abbiamo trovato”: a dirlo è Davide Zella, scienziato italiano da anni negli Usa dove è co-direttore del Laboratorio di Biologia delle cellule tumorali all'Institute of Human Virology dell'Università del Maryland (Usa) e lavora con Robert Gallo, uno degli scopritori del virus dell'Aids.

In merito alla collaborazione con Roberto Gallo, Zella ha raccontato all’Adnkronos: “È un'esperienza eccezionale. Lavoro con lui dal 1992 e ho avuto modo di conoscere tantissimi scienziati che interagiscono con lui in maniera continua. Ogni giorno c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare".

GUARDA ANCHE - Occhiali appannati? La soluzione giapponese

“Ora, insieme a Francesca Benedetti, che lavora qui con me, e con Marta Giovanetti e Massimo Ciccozzi dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, stiamo studiando proprio l'evoluzione del virus attraverso l'analisi delle sue sequenze genomiche".

La situazione italiana, negli Usa, è vista così: "Purtroppo è stata colpita per prima, soprattutto la 'mia' zona, cioè la Lombardia. Provo ammirazione per i miei amici e colleghi, per come sono riusciti ad affrontare quello che è successo. Spero che le criticità emerse servano da lezione per una migliore preparazione per il futuro".

“Le misure di contenimento - ha aggiunto Zella - sono servite all'inizio a diminuire i morti. Soprattutto in considerazione del fatto che non sembrava ci fossero troppe alternative. Successivamente si è capito meglio come affrontare la situazione, che adesso sembra meno drammatica. Certamente bisogna ancora prestare attenzione e continuare a mantenere le necessarie misure di distanziamento sociale, evitare per quanto possibile i luoghi chiusi e affollati e indossare la mascherina come raccomandato".

GUARDA ANCHE - La luce led uccide il coronavirus