Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,1637
    +0,0019 (+0,16%)
     
  • BTC-EUR

    55.186,26
    +1.982,80 (+3,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,80
    +17,44 (+1,19%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     

Il Trend Rialzista del Dollaro USA fa Tremare l’Euro Dollaro, 1,17 È più Vicino

·2 minuto per la lettura

rezione del prezzo dell’euro dollaro, come quella della maggior parte dei mercati, sarà probabilmente determinata questa settimana dalle decisioni prese dai responsabili delle politiche monetarie presso la Bank of Japan, la Bank of England e soprattutto la Federal Reserve. Detto questo, gli investitori del fiber ma anche degli altri cross con l’euro farebbero bene a guardare anche i sondaggi di opinione in vista delle elezioni federali tedesche di domenica.

Si anticipa che non ci sarà un chiaro vincitore. In effetti, nessun partito otterrà la maggioranza dei voti, una coalizione potrebbe impiegare un mese o anche sei mesi per essere formata e la cancelliera Angela Merkel rimarrà come custode durante tutto il periodo.

Il futuro andamento dell’euro dollaro in vista delle elezioni e del FOMC

Comunque, i sondaggi sono importanti perché verso la fine della scorsa settimana il Partito socialdemocratico (SPD) di centrosinistra era in testa con il 25,4%, davanti alla conservatrice Unione Cristiano Democratica (CDU) della Merkel e al suo partito gemello, l’Unione Cristiano Sociale (CSU), con il 21,6%. Dietro di loro si trovano i Verdi (16,1%), il Partito Liberale Democratico (11,5%), l’estrema destra Alternativa per la Germania (11,3%) e il socialista La Sinistra (6,3%).

Probabilmente la CDU/CSU della Merkel sta perdendo terreno perché ha deciso di dimettersi ed è stata sostituita dal meno popolare Armin Laschet. Ad ogni modo, è più falco dal punto di vista fiscale rispetto all’SPD, guidato dal più popolare Olaf Scholz, il quale è ampiamente favorevole a maggiori stimoli fiscali e quindi dovrebbe premere ancor di più per un ribasso dell’EURO.

Dal punto di vista macro, questa settimana per l’euro dollaro è ricca di impegni. I primi importanti rilasci iniziano mercoledì 22 settembre con l’indice flash della fiducia dei consumatori dell’Eurozona per settembre. Il giorno successivo vede il rilascio dei PMI manifatturieri, dei servizi e compositi per l’Eurozona e i suoi paesi costituenti, e molti di questi dovrebbero anche essere inferiori a settembre rispetto ad agosto.

Tali numeri rafforzerebbero l’idea che la politica monetaria dell’Eurozona sarà ultra-espansiva nel prossimo futuro; un altro fattore ribassista per il fiber.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni euro dollaro

Il dollaro USA è tornata in auge la scorsa settimana, creando i presupposti per un forte movimento ribassista e il test del supporto a 1,1700 (facente parte dell’area di demand) ne è la prova.

Attenzione alla possibile conferma di una chiusura giornaliera al di sotto sia di 1,1700 che del minimo dell’anno (1,1664) che sancirebbe la continuazione dell’attuale Onda 2 intermedia la quale potrebbe toccare il 50 (1,1493) o il 61.8 (1,1291) di Fibonacci. Tutto ciò in attesa della riunione del FOMC mercoledì 22 settembre.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli