Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.093,62
    -166,32 (-1,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Isab, Urso convoca 18 novembre tavolo con azienda e sindacati su crisi impianto

Impianto Isab, la raffineria di petrolio di proprietà di Lukoil, a Priolo Gargallo, in provincia di Siracusa

MILANO (Reuters) - Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, ha convocato il 18 novembre un tavolo con Isab Lukoil, parti sociali e enti locali con l'obiettivo di garantire l'operatività dell'impianto di proprietà del gruppo russo, che rischia la chiusura a causa dell'embargo al petrolio russo.

E' quanto si legge in una nota emessa a termine di un incontro fra il ministro Urso e il presidente della Regione Sicilia Renato Schifani.

"Durante l'incontro sono stati affrontati i principali dossier di interesse della Regione, dal rilancio delle aree di crisi (tra cui Gela e Termini Imerese) agli incentivi e le ricadute sulle imprese siciliane. Riguardo all'Isab di Priolo, governo e amministrazione regionale concordano sulla strategicità dell'impianto e sulla necessità di assicurare la continuità produttiva a garanzia dei lavoratori e dell'indotto", si legge nel comunicato del ministero.

Urso e Schifani si sono inoltre trovati d'accordo sulla necessità di adottare tutte le iniziative per garantire l'operatività anche dopo il 5 dicembre.

Il ministro ha inoltre appurato la disponibilità di Sace a intervenire ove richiesto.

Il comunicato aggiunge che con questi ulteriori elementi Urso ha deciso di convocare a Palazzo Piacentini a Roma venerdì 18 novembre il tavolo con l'azienda, le parti sociali e gli enti locali, lo stesso giorno in cui le tre sigle sindacali hanno convocato lo sciopero generale del petrolchimico siracusano.

(Giancarlo Navach, editing Sabina Suzzi)