Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.192,81
    -22,68 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Italia, fatturato industria torna a salire su mese ad agosto - Istat

Bandiera italiana a Palazzo Chigi, a Roma

ROMA (Reuters) - Il fatturato dell'industria italiana torna a crescere ad agosto in termini congiunturali dopo lievi cali nei due mesi precedenti.

Nel diffondere il dato, Istat sottolinea che l'indice destagionalizzato tocca il livello più elevato dall'inizio della serie storica (gennaio 2000), anche se "considerando l'indicatore in volume relativo al comparto manifatturiero, la dinamica risulta tuttavia assai meno accentuata".

Nel mese in esame, al netto dei fattori stagionali, l'indice sale del 3,6% su mese dopo il -0,2% (rivisto da -0,1%) di luglio, mettendo a segno un +3,4% sul mercato interno e un +3,8% su quello estero.

Nel trimestre giugno-agosto l'indice complessivo è cresciuto del 2,6% rispetto al trimestre precedente (+2,7% sul mercato interno e +2,4% su quello estero).

A livello annuo, corretto per gli effetti di calendario, l'indice sale del 23,1% dal precedente +16,2% (rivisto da +16,3%), con incrementi del 22,9% sul mercato interno e del 23,5% su quello estero.

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, "si registrano incrementi tendenziali assai marcati per l'energia (+53,2%), più contenuti per i beni di consumo (+22,8%), i beni strumentali (+19,4%) e i beni intermedi (+18,7%)".

Istat segnala che i giorni lavorativi sono stati 22 come ad agosto 2021.

(Antonella Cinelli, editing Stefano Bernabei)