Italia Markets close in 1 hr 59 mins

L'Italia trema: scosse in Friuli, Versilia e Marche. Gente in strada per paura

L'Italia trema in Friuli, Versilia e Marche: gente in strada per paura

Sono tre le scosse di terremoto che hanno seminato il panico in diverse parti d’Italia nella giornata di domenica. Dopo un terremoto nelle Marche nel corso della notte tra sabato e domenica, sono arrivate le scosse in Friuli e in Versilia.

SFOGLIA LA GALLERY: Albania, forte scossa di terremoto: 100 feriti

Scossa di 3.8 in Friuli

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata nel primo pomeriggio in Friuli Venezia Giulia, a tre chilometri a nord-ovest di Tolmezzo (Udine) a una profondità di 13 chilometri. Il sisma è stato avvertito in un'area molto ampia fino al Veneto, ma non ha non ha causato danni né alle persone né alle cose. Nonostante non si sia creato alcun allarme, numerose sono state le telefonate ai centralini delle forze dell'ordine.

VIDEO - Terremoto in Albania, scossa di magnitudo 5.8

Versilia, terremoto di magnitudo 2.9

Scossa di terremoto di magnitudo 2.9 in Versilia avvertita dalla popolazione: secondo strumenti dell'Ingv l'epicentro è situato a un chilometro a ovest di Camaiore (Lucca). Il sisma ha spaventato la popolazione e molte persone sono scese in strada. Il Comune di Camaiore ha convocato una riunione della protezione civile locale per fare il punto della situazione. Al momento non risultano danni.

Le Marche tremano: scossa di 3.0

Scossa di terremoto nella notte, in provincia di Macerata: torna a tremare l'area delle Marche già in ginocchio per il sisma di tre anni fa. La scossa di magnitudo 3.0 è stata registrata dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 3:28. Il comune più vicino all'epicentro, a 8 chilometri, è Castelsantangelo sul Nera.

Con il terremoto che ha messo in ginocchio l’Albania “non esiste una relazione di causa-effetto”, ha dichiarato Carlo Meletti, 58 anni, geologo all’Ingv di Pisa. “Registriamo decine di scosse ogni giorno. È stata una combinazione. In Italia centrale la sequenza non è mai scemata dal 2016. Il 1° settembre si è toccata magnitudo 4 a Norcia".