Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,28 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,19 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,33 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,92 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    -0,06 (-0,07%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.926,30
    -738,32 (-1,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.354,52
    -19,32 (-1,41%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +2,40 (+0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,11 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8564
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9874
    +0,0031 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,4791
    -0,0003 (-0,02%)
     

Microsoft acquisisce quota minoranza per 1,5 mld $ in azienda emiratina di IA G42

Il logo di Microsoft al Mobile World Congress (MWC) del 2024 a Barcellona

(Reuters) - Microsoft investirà 1,5 miliardi di dollari nell'azienda di intelligenza artificiale G42, con sede negli Emirati Arabi Uniti, con la casa di Redmond che otterrà una quota di minoranza e un seggio nel consiglio di amministrazione.

Lo hanno comunicato le società in un comunicato congiunto.

In base alla partnership, G42 gestirà le proprie applicazioni e i propri servizi di intelligenza artificiale sulla piattaforma di cloud computing Azure di Microsoft, per fornire soluzioni avanzate di intelligenza artificiale a clienti del settore pubblico globale e a grandi imprese.

Brad Smith, presidente di Microsoft e nuovo membro del board di G42, ha detto: "combineremo una tecnologia di prima classe con standard di prima classe per un'IA sicura, affidabile e responsabile, in stretto coordinamento con i governi degli Emirati Arabi Uniti e degli Stati Uniti"

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Le aziende lavoreranno insieme per portare IA avanzata e infrastrutture digitali nei Paesi del Medio Oriente, dell'Asia centrale e dell'Africa.

La partnership si inserisce nel contesto degli sforzi di Washington per ostacolare i progressi tecnologici di Pechino, dopo che gli Stati Uniti hanno inserito quattro aziende cinesi in una lista nera delle esportazioni per aver cercato di acquistare chip di intelligenza artificiale per l'esercito cinese.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)