Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    34.953,88
    +1.812,74 (+5,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.812,50
    -18,70 (-1,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    -0,0024 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8534
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0739
    -0,0026 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,4790
    +0,0001 (+0,00%)
     

Previsioni Settimanali Prezzo Oro: Si Riparte con l’Obiettivo di 1800$ Per Tornare a Crescere

·2 minuto per la lettura

Il prezzo dell’oro non è riuscito a superare il livello di 1800 dollari nell’ultima sessione di scambi della settimana scorsa, nonostante un lieve rialzo del +0,6%.

I livelli tecnici di supporto e resistenza restano pressoché immutati, ma questa settimana potrà offrire nuovi stimoli per tentare una ripartenza bullish.

Stamattina, alle ore 7:00, il prezzo dell’oro si trova a 1787 dollari l’oncia.

Previsioni sul prezzo dell’oro

Il prezzo dell’oro resta vicino al primo livello di resistenza di 1800 dollari l’oncia, una soglia psicologica che è stata corteggiata più volte nell’ultima settimana, ma senza seri tentativi di superamento.

Nella ripartenza di oggi, l’oro mirerà innanzitutto verso questo prezzo e in caso di superamento sarà possibile puntare verso il livello intermedio di 1830 dollari l’oncia, a cui seguirebbe un’altra solida resistenza a 1855/1860 dollari l’oncia.

Quest’ultima banda di prezzo, se superata, indicherebbe la creazione di un nuovo canale rialzista in grado di invertire totalmente il trend delle ultime settimane e spingere l’oro verso i livelli antecedenti all’ultimo crollo, tra i 1900 e i 2000 dollari l’oncia.

Lo scenario ribassista per gli investitori bearish prevede invece un calo sotto il principale livello di supporto di 1750 dollari l’oncia, che potrebbe aprire la strada a contrazioni ancora più pesanti, fin sotto i 1700 dollari e verso nuovi minimi relativi.

Il calendario economico della settimana

La settimana che si apre quest’oggi prevede pochi market movers di rilievo, come i dati sulle immatricolazioni auto a Giugno e alcuni indici PMI in Italia, Francia e Germania.

Domani si continua con i consumi delle famiglie in Giappone e con gli ordini alle fabbriche tedesche, a cui farà seguito la produzione industriale spagnola e l’aggiornamento sulle rilevazioni ZEW per quanto concerne il sentiment dell’economia tedesca. A livello di Eurozona, invece, si conoscerà l’aggiornamento sulle vendite al dettaglio mensili.

Mercoledì si continua con la produzione industriale tedesca, le vendite al dettaglio italiane e l’update sui nuovi lavori JOLT (Job Openings and Labor Turnover) negli USA.

Giovedì si prosegue invece con il saldo della bilancia commerciale tedesca e con le dichiarazioni sulla politica monetaria della BCE. Dagli USA, si conosceranno invece le richieste iniziali di sussidi di disoccupazioni aggiornate, insieme all’aggiornamento delle scorte di petrolio greggio.

Venerdì, infine, la settimana volge al termine con il PIL e la produzione manifatturiera del Regno Unito aggiornati al mese di Maggio 2021, a cui farà seguito anche il saldo della bilancia commerciale.

Nella stessa giornata, sempre in mattinata, si conoscerà anche la produzione industriale italiana, il discorso del Governatore Bailey della Bank of England e della Presidente Lagarde della BCE.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli