Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.273,87
    -42,45 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    11.148,64
    -27,77 (-0,25%)
     
  • Nikkei 225

    27.120,53
    +128,32 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    0,9886
    -0,0100 (-1,00%)
     
  • BTC-EUR

    20.292,27
    -397,94 (-1,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,09
    -2,31 (-0,50%)
     
  • HANG SENG

    18.087,97
    +1.008,46 (+5,90%)
     
  • S&P 500

    3.783,28
    -7,65 (-0,20%)
     

Borsa Milano, positiva con pochi volumi, corrono Tim e Nexi, forte anche Banco Bpm

Una donna davanti all'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari è in lieve rialzo a fine mattina, accesa da qualche spunto speculativo in una seduta caratterizzata da volumi agostani.

In linea le altre borse europee, così come le aspettative sull'apertura di Wall Street.

In vista del ponte di Ferragosto, intorno alle 12,30 l'indice FTSE Mib sale dello 0,35% circa con volumi appena sopra i 500 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Strappo al rialzo per Telecom Italia, che sale di circa 5% dopo un massimo a oltre +8%, accesa da indiscrezioni su un possibile delisting in caso di vittoria del centro-destra alle prossime elezioni politiche.

Vivace anche Nexi, intorno a +5% e sotto i massimi intraday, spinta da un movimento di rivalutazione del settore dopo i recenti ribassi e dalle scommesse su possibili operazioni straordinarie.

Le speculazioni sostengono anche Banco Bpm, la migliore tra le principali banche italiane con +2,6%. Oggi Repubblica sottolinea che JP Morgan, che ha da poco comunicato di detenere una quota del 5% nella banca in strumenti derivati, è advisor di Credit Agricole, che già possiede circa il 9% del Banco. "L'idea di una intesa tra le due banche è una suggestione a cui non credo, ma basta poco in questi giorni per risvegliare un titolo e richiamare l'attenzione degli investitori su possibili scenari speculativi", dice un trader.

Positivi gli altri bancari come UniCredit e Intesa Sanpaolo.

Il lieve rialzo del greggio fa bene al settore oil con Eni +0,8%.

Tonica anche Stellantis in linea con il comparto europeo. Ieri una corte d'appello Usa ha confermato una sentenza del 2020 che aveva respinto una causa per racket intentata da General Motors contro la rivale Fiat Chrysler, ora parte di Stellantis, ed alcuni ex manager del gruppo.

Ritraccia il lusso dopo i rialzi di ieri, deboli Amplifon, Prysmian.

(Claudia Cristoferi, editing Adrea Mandalà)