Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.435,75
    +218,19 (+0,83%)
     
  • Dow Jones

    34.045,58
    +96,17 (+0,28%)
     
  • Nasdaq

    11.649,90
    +137,49 (+1,19%)
     
  • Nikkei 225

    27.382,56
    +19,81 (+0,07%)
     
  • Petrolio

    79,53
    -1,48 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    21.344,74
    -17,21 (-0,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    526,66
    +9,65 (+1,87%)
     
  • Oro

    1.930,00
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    -0,0020 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    4.079,37
    +18,94 (+0,47%)
     
  • HANG SENG

    22.688,90
    +122,12 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.178,01
    +4,03 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8768
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0010
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4461
    -0,0042 (-0,29%)
     

Pil e occupazione: migliorano le prospettive per l'Italia nel 2023

Pil e occupazione: migliorano le prospettive per l'Italia nel 2023
Pil e occupazione: migliorano le prospettive per l'Italia nel 2023

Il Pil italiano è destinato crescere a ritmi ancora sostenuti in questo finale del 2022 (+3,9%) per poi rallentare nel 2023 (+0,4%), ma la tendenza resta comunque positiva. Lo comunica l'Istat nel suo report sulle prospettive per l'economia italiana nel 2022-2023.

Gli investimenti hanno rappresentato l'elemento di traino dell'economia italiana nel 2022 (+10,0%) e lo saranno, in misura più contenuta, anche nel 2023 (+2,0%). A giugno Istat stimava +2,8% per il 2022 e per il 2023 +1,9%.

LEGGI ANCHE: Immacolata, 12 milioni di italiani in viaggio: stimato giro d’affari di 4 miliardi

Quest'anno e il prossimo l'occupazione segnerà una crescita superiore a quella del Pil con un aumento più accentuato nel 2022 (+4,3%) rispetto a quello del 2023 (+0,5%). L'incremento del numero delle unità di lavoro si accompagnerà a quello del tasso di disoccupazione che scenderà sensibilmente quest'anno (8,1%) per poi registrare un lieve rialzo nel 2023 (8,2%).

GUARDA ANCHE: Giorgetti "Manovra prudente, responsabile e sostenibile"

"È vero che il reddito disponibile delle famiglie è in calo dal quarto trimestre 2021 secondo l'Istat ma è stato sostenuto dal governo con programmi per compensare le bollette energetiche più elevate - spiega l'agenzia di rating - Abbiamo alzato le nostre previsioni di inflazione a breve termine ma è probabile che ci sarà una deflazione mensile che ridurrà l'inflazione da questo picco nel primo semestre 2023".

LEGGI ANCHE: Confcommercio, verso un Natale positivo per consumi nonostante bollette

L'inflazione, infatti, è attesa decelerare nei prossimi mesi, seppur con tempi e intensità ancora incerti. Nella media del 2022, il tasso di variazione del deflatore della spesa delle famiglie crescerà (+8,2%, era +1,6% nel 2021) mentre il deflatore del Pil segnerà un incremento significativo ma più contenuto (+3,6%, era +0,5% nel 2021).

GUARDA ANCHE: Contante, Meloni "Più è basso il tetto e più si favorisce l'evasione"