Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,46 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    27.816,29
    -136,23 (-0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Prezzi Oro: Quotazioni in Avvicinamento ai Supporti di Medio Periodo

I prezzi del Future sull’Oro, quotato in dollari al Comex, stanno attraversando una sessione di stabilizzazione nello spazio fra 1912.2 e 1896.3, poco sopra ai minimi di breve periodo toccati ieri (lunedì 25) a 1891.8. Con il raggiungimento dei minimi citati, il mercato è riuscito ad estendere fino al -5.55% le dimensioni del ribasso cominciato con il picco relativo del 18 aprile, quota 2003.0.

Riferimenti Tecnici di Medio Periodo

Su grafico a barre settimanali è ben evidente come i prezzi dell’oro si siano portati ormai a ridosso di livelli di supporto di tutto rilievo per quanto riguarda le prospettive di medio periodo (= prossime 2-4 settimane). Ci riferiamo in particolare ai supporti di quota 1890 e quota 1867/70, che durante la settimana in corso costituiranno altrettanti probabili punti di reazione in caso di ulteriori arretramenti dei prezzi. Il contesto di medio vede il mercato tergiversare da oltre 6 settimane entro l’ampia area di stabilizzazione compresa fra tali supporti e la resistenza di quota 1991.5/1995.0.

Poiché la stabilizzazione si sta svolgendo all’interno del più ampio movimento rialzista di lungo termine, consideriamo probabile un ritorno dei prezzi a ridosso della resistenza nel corso del mese di maggio. La condizione essenziale affinché ciò avvenga è che sia rispettata la tenuta del supporto principale a 1867; prezzi inferiori sortirebbero ripercussioni molto negative sul trend di fondo, gettando le basi per un possibile rientro delle quotazioni nel corso dei mesi estivi anche fino a 1725.

L’analisi di breve/brevissimo

Su grafico a barre da 30 minuti possiamo visualizzare con maggiore accuratezza l’attuale posizione dei principali riferimenti tecnici. Innanzitutto ci interessa la posizione della resistenza di breve/brevissimo periodo, attualmente posta a 1912.2/16.1. La resistenza è il livello tecnico che mantiene attiva la pressione ribassista vigente; solo con il superamento di tale livello potremmo considerare esaurita la pressione in vendita, a favore dell’avvio di una fase di recupero con obiettivo in prima istanza a 1952.7/54.3, ove è posta la resistenza successiva.

Allo stato attuale pare probabile che, prima di violare la resistenza, i prezzi possano effettuare un ultimo colpo di coda ribassista penetrando appieno nell’area tra i supporti di medio termine, già menzionati, posti a 1890 e 1867/70; il primo livello di probabile reazione si trova infatti a 1879/82.

Nel frattempo, mentre sono le 20.35 CET di martedì 26 aprile, il contratto future Gold con scadenza a giugno viene passato di mano a 1898.6 dollari, in modesto rialzo del +0.14% su base giornaliera.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli