Italia markets open in 2 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.333,77
    +168,18 (+0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.816,74
    -210,23 (-1,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    373,12
    +3,37 (+0,91%)
     
  • HANG SENG

    26.728,60
    +140,40 (+0,53%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Banche, prestiti a settore privato crescono di 4,7% su anno in ottobre - Abi

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Continua a crescere la concessione di prestiti bancari a famiglie e imprese nel mese di ottobre, con un incremento annuo pari a 4,7% da 4,5% in settembre e tassi applicati poco lontani dai minimi storici.

Lo dice il rapporto mensile Abi, precisando che il tasso medio sul totale dei finanziamenti è pari a 2,28%, nuovo minimo storico, da 2,29% di settembre.

Nel dettaglio -- si legge in una nota che sintetizza il rapporto -- il tasso medio sulle nuove concessioni di credito alle imprese è di 1,39% da 1,31% di settembre, mentre il costo dei finanziamenti legati a mutui è fermo a 1,27%.

I depositi (in conto corrente, certificati di deposito, pronti contro termine) crescono di oltre 149 miliardi di euro rispetto ad un anno prima (+9,5%) mentre la raccolta a medio e lungo termine, cioè tramite obbligazioni risulta in calo di 18 miliardi (-7,5% su anno).

La dinamica della raccolta complessiva (depositi da clientela residente e obbligazioni) risulta in crescita di 7,3%.

Quanto infine al margine fra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta a famiglie e società non finanziarie, si resta, secondo Abi, su livelli particolarmente ridotti, a 178 punti base da 177 di settembre.

Per ciò che riguarda la qualità del credito calano le sofferenze nette a settembre a 24,3 miliardi, tornando ai valori di settembre 2009, dai 30,7 miliardi di un anno prima per un'incidenza sugli impieghi totali dell'1,40% da 1,77% di settembre 2019.

(Alessia Pé, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)