Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.818,26
    -164,20 (-1,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Bce potrebbe dover limitare crescita per contenere inflazione - Lagarde

La presidente della Bce Christine Lagarde a Riga, in Lettonia

FRANCOFORTE (Reuters) - La Banca centrale europea continuerà ad alzare i tassi di interesse e potrebbe persino dover limitare l'attività economica per domare l'inflazione.

Lo ha detto stamani la presidente Christine Lagarde, affermando che la leva dei tassi, piuttosto che la riduzione del bilancio, costituisce lo strumento chiave nella politica della banca centrale.

"Ci aspettiamo di alzare ulteriormente i tassi - e il ritiro dell'accomodamento monetario potrebbe non essere sufficiente", ha affermato Lagarde durante una conferenza.

"I tassi d'interesse sono e rimarranno lo strumento principale per regolare la nostra politica monetaria", ha detto. "Ma dobbiamo anche normalizzare gli altri strumenti d'intervento, rafforzando così l'impulso della nostra politica sui tassi", ha aggiunto.

La Bce, in una mossa senza precedenti, ha aumentato i tassi di 200 punti base da luglio per contenere l'inflazione e ha fatto sapere che è in arrivo un ulteriore inasprimento che avverra' sia con altri rialzi che tramite la riduzione delle ingenti quote di debito pubblico detenute dalla banca.

Gli investitori sono divisi al momento tra l'ipotesi di un incremento da 50 pb a dicembre o da 75, mentre si aspettano una riduzione del portafoglio obbligazionario - nota anche come quantitative tightening - a partire dalla prima metà del 2023.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Valentina Consiglio)