Italia markets open in 7 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.685,47
    -8,18 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,0733
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    21.680,20
    +317,69 (+1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,56
    +8,61 (+1,64%)
     
  • HANG SENG

    21.298,70
    +76,54 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     

Borsa Milano prosegue fase positiva, corrono Mps e Bper, venduta Stellantis

Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Indici in cauto rialzo a Piazza Affari che prosegue la seduta positiva, grazie anche al dato chiave di ieri sul calo dell'inflazione Usa a dicembre che ha rafforzato le speranze in un cambio di passo nella politica restrittiva della Fed.

Il Cpi Usa è risultato leggermente meglio delle attese, anche se una lettura positiva era già incorporata nei prezzi.

Un trader sottolinea che la corsa dei prezzi è in evidente calo e questo sta avendo effetti sui mercati.

I futures di Wall Street sono poco mossi in vista dell'avvio della stagione delle trimestrali delle banche a partire da oggi.

Intorno alle 12,45 l'indice Ftse Mib guadagna lo 0,22%. Volumi pari a 880 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Banche sotto i riflettori, in particolare Mps che sale del 3,4%, seguita da Bper che avanza del 3% circa. Bene anche Banco Bpm a +2,7%. Oggi Mf scrive che la banca senese ha avviato il cantiere per integrare nella capogruppo Mps Capital Services e Mps Leasing & Factoring con l'obiettivo di fare la fusione entro giugno e di rendere l'istituto più appetibile in vista della privatizzazione.

Su Bper influisce anche uno studio di Mediobanca Securities che ha portato la raccomandazione a "Outperform" da "Neutral" e prezzo obiettivo a 2,70 euro.

Bene anche l'andamento delle altre due big del comparto, Unicredit a +0,9% e Intesa SP a 0,4%.

Sul fronte opposto in netto calo Stellantis che arretra del 3,2% in un contesto delle auto europeo in flessione di circa 1,9%. Secondo un trader, a pesare sul comparto l'effetto taglio dei prezzi di listino sul mercato europeo annunciato ieri da Tesla che aumenta la concorrenza delle auto elettriche prodotte dalla società che fa capo a Elon Musk.

Venduta anche Pirelli che flette dell'1,2%.

In netto calo anche Unieuro (-3,8%) penalizzata dai risultati dei 9 mesi chiusi con un calo del 65% dell'Ebit adjusted. Banca Akros ha portato il prezzo obiettivo sulle azioni a 12 euro da 14 precedente, con rating "Neutral" citando "i rischi in un contesto di spesa dei consumi più debole delle attese e con un incremento dei costi dell'energia".

Juve in flessione dell'1% alla vigilia della partita di cartello contro il Napoli questa sera.

Corre D'Amico (+4%) dopo che ieri la società attiva nello shipping petrolifero ha esercitato l'opzione di acquisto prevista dal contratto di noleggio a scafo nudo relativo alla MT High Freedom, per un importo pari a 20,1 milioni di euro. Secondo Equita, "la notizia è positiva per il titolo in quanto il valore medio corrente delle navi di tipo 'MR' con 10 anni di età è pari a 33,4 milioni e l'esercizio è avvenuto con oltre 13 milioni di sconto rispetto ai valori di mercato".

(Giancarlo Nnavach, editing Andrea Mandalà)