Italia markets open in 2 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.896,77
    +12,64 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1926
    -0,0017 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    28.515,90
    +758,51 (+2,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    813,02
    +18,69 (+2,35%)
     
  • HANG SENG

    28.721,85
    +412,09 (+1,46%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     

Borsa Usa in rialzo, deboli dati occupazione allentano timori per inflazione

·2 minuto per la lettura
Pannelli divisori all'interno di una postazione della Borsa di New York

(Reuters) - L'azionario statunitense è in rialzo, con i titoli tech in testa ai guadagni, grazie a dati macro più deboli delle attese che hanno attenuato i timori in merito a un surriscaldamento dell'economia e un possibile inasprimento delle politiche monetarie prima del previsto.

Secondo i dati diffusi dal dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, gli occupati non agricoli a maggio sono aumentati di 559.000 unità, grazie alle vaccinazioni e alla riapertura dell'economia, dopo un inatteso rallentamento del mercato del lavoro registrato ad aprile.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un incremento di 650.000 unità.

Il settore tech dell'S&P è in rialzo dell'1,4% e altri settori avanzano grazie a un calo dei rendimenti obbligazionari a più lunga scadenza.

Alle 16,30 circa il Dow Jones Industrial Average è in rialzo di 125.76 punti, o lo 0,36%, a 34.669,72 punti e l'S&P 500 guadagna 25,65 punti, o lo 0,60%, a 4.218,86. Il Nasdaq Composite avanza di 156,17 punti, o l'1,15%, a 13.772,18 punti.

I 'meme stock', i titoli preferiti dai piccoli investitori sono in calo nelle contrattazioni iniziali, con AMC ENTERTAINMENT che cede oltre il 3% il giorno dopo aver completato la seconda emissione di azioni della settimana.

KOSS CORP e GAMESTOP scivolano rispettivamente del 2,8% e dello 0,4%.

PERSHING SQUARE TONTINE HOLDINGS, di proprietà del miliardario William Ackman, crolla di circa il 10% sulle trattative per l'acquisizione del 10% di Universal Music Group, in un deal che valuta l'etichetta discografica 40 miliardi di dollari e potrebbe diventare il maggior investimento di sempre tramite Spac.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli