Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.501,44
    -224,72 (-1,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Borse Europa in ribasso su materie prime e timori inflazione

Panorama della borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee toccano i minimi di un anno, a causa del calo dei prezzi del petrolio e dei metalli che ha danneggiato i titoli legati alle materie prime, mentre l'aumento dell'inflazione nel Regno Unito rilancia i timori sul rallentamento della crescita globale.

Intorno alle 11,30 l'indice paneuropeo STOXX 600 segna un calo dell'1,4%, toccando un nuovo minimo da febbraio 2021, dopo un rally di tre giorni.

L'indice del settore energetico è in ribasso del 3,7% a causa del crollo dei prezzi del petrolio di oltre 6 dollari al barile, dopo che il presidente statunitense Joe Biden ha sollecitato a ridurre i costi del carburante per gli automobilisti. [L6N2Y905U]

I titoli minerari registrano una contrazione del 4,1%, con i prezzi dei metalli trascinati al ribasso da un dollaro statunitense solido e dai timori di un rallentamento dell'economia globale. [MET/L] I titoli difensivi, come telecomunicazioni e settore alimentare e bevande subiscono il calo meno significativo.

L'insieme di inflazione in aumento, politiche monetarie più restrittive, guerra in Ucraina e rallentamento dell'economia cinese fa scivolare lo STOXX 600 del 18,8% rispetto al massimo storico raggiunto il 4 gennaio.

Nel frattempo, in Gran Bretagna i dati indicano che il mese scorso l'impennata dei prezzi dei generi alimentari ha spinto l'inflazione dei prezzi al consumo al 9,1%, un nuovo massimo di 40 anni, acuendo la crisi del costo della vita.

L'indice britannico delle blue-chip FTSE 100 cala dell'1,3%, con una sterlina più debole che contiene le perdite dell'indice. [.L]

Tra i singoli titoli, BASF perde il 4,9% dopo che l'amministratore delegato del gruppo chimico tedesco ha detto che l'azienda dovrà probabilmente affrontare una notevole flessione all'inizio del secondo semestre.

Le società siderurgiche europee come Arcelormittal, Voestalpine e Salzgitter segnano un ribasso tra il 7,2% e il 13,3% dopo che JPMorgan ne ha declassato i titoli, affermando che i prezzi dell'acciaio dovranno ancora subire perdite.

La norvegese Mowi, il maggior allevatore di pesce al mondo, registra perdite del 7,5% dopo il collocamento dei propri titoli.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli