Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.729,61
    +502,58 (+1,43%)
     
  • Nasdaq

    15.702,42
    +477,27 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.455,60
    +528,23 (+1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,1256
    -0,0030 (-0,27%)
     
  • BTC-EUR

    45.289,39
    +1.128,79 (+2,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.311,27
    -10,01 (-0,76%)
     
  • HANG SENG

    23.983,66
    +634,28 (+2,72%)
     
  • S&P 500

    4.687,77
    +96,10 (+2,09%)
     

Cala il debito pubblico in Italia, ma restiamo il 2° paese Ue più indebitato

·1 minuto per la lettura
Mario Draghi  (Photo: Alessandra Benedetti - Corbis via Getty Images)
Mario Draghi (Photo: Alessandra Benedetti - Corbis via Getty Images)

Cala il debito pubblico italiano, ma l’Italia resta il secondo paese più indebitato d’Europa, dopo la Grecia. È quanto emerge dai dati Eurostat.

Dopo aver toccato la soglia psicologica del 100% del Pil nel primo trimestre dell’anno, il rapporto tra debito pubblico e Pil dell’Eurozona, nel periodo aprile-giugno, è sceso attestandosi sul 98,3%. Nello stesso periodo in Italia il debito è passato dal 160% al 156,3% mentre nell’insieme Ue si è passati dal 92,4 al 90,9%. Sia per l’Eurozona che per l’Ue, sottolinea Eurostat, la riduzione del rapporto debito-Pil è da imputare alla ripresa della crescita registrata nel secondo trimestre poiché il debito, in termini assoluti, ha continuato a crescere per compensare gli effetti della crisi del Covid.

I rapporti più elevati tra debito pubblico e Pil alla fine del secondo trimestre del 2021 sono stati registrati in Grecia (207,2%), Italia (156,3%), Portogallo (135,4%), Spagna (122,8%), Francia (114,6%), Belgio (113,7%) e Cipro (112,0%), e il più basso in Estonia (19,6%), Bulgaria (24,7%) e Lussemburgo (26,2%).

Rispetto al primo trimestre del 2021, due Stati membri hanno registrato un aumento del rapporto debito/Pil alla fine del secondo trimestre del 2021, ventitré una diminuzione, mentre il rapporto è rimasto stabile in Bulgaria ed Estonia. Aumenti del rapporto sono stati osservati a Malta (+2,0 punti percentuali - pp) e Slovacchia (+1,3 pp), mentre le maggiori diminuzioni sono state registrate a Cipro (-9,4 pp), Slovenia (-5,0 pp), Croazia (-4,0 pp ), Portogallo (-3,7 pp), Ungheria e Francia (entrambi -3,4 pp), Italia (-3,3 pp) e Belgio (-3,2 pp).

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli