Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,41 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,15 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,34 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,44 (-0,53%)
     
  • Bitcoin EUR

    53.070,56
    +568,49 (+1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.211,95
    +13,38 (+1,12%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -5,90 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0040 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,05 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9751
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0053 (+0,36%)
     

Corea del Sud blocca attività produttore batterie dopo incendio mortale lunedì

Incendio in una fabbrica di batterie al litio, a Hwaseong

SEUL (Reuters) - Le autorità sudcoreane hanno ordinato l'interruzione delle attività di un produttore di batterie al litio dopo che un incendio ha ucciso 23 persone, mentre indagano su tre funzionari dell'azienda per sospette violazioni della sicurezza.

L'incendio di lunedì presso il produttore di batterie Aricell, non quotato in borsa, è stato uno degli incidenti industriali più letali degli ultimi anni.

Ogni anno decine di lavoratori sudcoreani perdono la vita sul lavoro, nonostante le leggi più severe e le misure per migliorare la sicurezza.

All'azienda, situata nel polo industriale di Hwaseong, a sud-ovest della capitale Seul, è stato chiesto di chiudere l'unico stabilimento per ispezioni, ha detto il funzionario del ministero del Lavoro Min Gil-soo durante un briefing.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Oggi la polizia ha fatto irruzione negli uffici dell'azienda, secondo l'agenzia di stampa Yonhap.

Le autorità non hanno svelato l'identità dei funzionari dell'azienda oggetto dell'indagine. Le violazioni del codice di sicurezza possono portare a pene detentive in caso di incidenti mortali.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Gianluca Semeraro)