Italia markets close in 2 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    25.966,94
    +3,01 (+0,01%)
     
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,28
    -0,33 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    40.261,48
    -899,00 (-2,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.202,96
    -30,33 (-2,46%)
     
  • Oro

    1.757,90
    +1,20 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1780
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.177,85
    +7,98 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0930
    +0,0016 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0014 (-0,09%)
     

Correzione o passo falso? Pesanti cali per IBEX e FTSE MIB

Il mercato spagnolo vive una fase di paralisi.

Azioni in calo, con l'IBEX a -2,11% su base mensile e -5,31% su base trimestrale e spread in rialzo con rendimenti intorno all'1,7% contro l'1% di pochi mesi fa.

Il driver è naturalmente il referendum per l'indipendenza della Catalogna dalla Spagna che ha un'economia florida. Ma non è solo questo.

L'Italia ha registrato ottime performance del FTSE MIB, ma numeri decisamente più inquietanti sul fonte dello spread dei BTP sul bund tedesco con spread a 180 e rendimenti sopra il 2,2%.

Moody’s il 6 ottobre giudicherà il rating italian, potrebbe influenzare pesantemente i prossimi 3 mesi questo giudizio.

La Grecia viene da mesi di crisi sul mercato azionario.

Il Portogallo invece, approfittando degli upgrade sul rating, con i suoi decennali ha rendimenti molto vicini a quelli dei BTP.

Il resto delle piazze europee e dei mercati sviluppati, vengono da mesi di rialzi ed oggi sono sostanzialmente stabili o lievemente positive.

Questo è l'indice che il problema potrebbe essere locale e temporaneo, il rischio crisi stile 2016 non è all'ordine del giorno poichè in quell'occasione il driver era stato il crollo del petrolio, le banche italiane ed i loro NPL erano state un'aggravante e non la causa, infatti il FTSEMIB rimase solo in fondo.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli