Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.543,72
    -310,40 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Forex, dollaro domina su yen, euro e sterlina

Una banconota da 1 dollaro USA è visibile in questa illustrazione

(Reuters) - Il dollaro continua a dominare sulle principali controparti, rimanendo ai massimi da 24 anni su yen e toccando picchi pluriennali su euro e sterlina, mentre i problemi economici in Europa contrastano con la forza dell'economia statunitense.

Il biglietto verde è salito fino a 144,99 yen, in rialzo dell'1,5%, livello che non si vedeva dal 1998.

Nel frattempo la sterlina perde lo 0,7%, appena sopra 1,1413 dollari, quota al di sotto della quale sarebbe ai minimi dal 1985, secondo dati Refinitiv.

L'euro scambia sotto i 99 centesimi dopo essere sceso fino a 0,9864 dollari durante la notte, il livello più basso da fine 2002.

La Bce potrebbe alzare i tassi di 75 punti base domani, ma anche questa aspettativa riesce a far poco per sostenere la valuta di fronte a un'economia europea malconcia e alla decisione della Russia di tenere chiuso a tempo indeterminato il gasdotto chiave Nord Stream 1.

Nella notte, invece, un rapporto ha mostrato che il settore dei servizi degli Stati Uniti è cresciuto inaspettatamente il mese scorso, dando fiato a chi sostiene che l'economia non è in recessione e offrendo alla Fed un margine di manovra per un altro aumento dei tassi di tre quarti di punto percentuale il 21 settembre.

(versione italiana Valentina Consiglio, editing Gianluca Semeraro)