Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.888,08
    -382,01 (-1,22%)
     
  • Nasdaq

    12.747,48
    -250,28 (-1,93%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1979
    -0,0088 (-0,73%)
     
  • BTC-EUR

    40.236,67
    -2.999,17 (-6,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    965,55
    -21,66 (-2,19%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.770,22
    -49,50 (-1,30%)
     

Greggio, Brent a 60 $ al barile su tagli offerta e speranze stimolo

·1 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera vicino a Bakersfield

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio toccano il massimo di poco più di un anno, con il Brent che ha superato i 60 dollari al barile, sostenuti dai tagli all'offerta dei principali produttori e dalle speranze di ulteriori misure di stimolo economico negli Stati Uniti che potrebbero aumentare la domanda.

Alle 11,20 circa, il Brent avanza di 55 centesimi, o dello 0,93%, a 59,89 dollari al barile, dopo essersi portato leggermente sopra i 60 dollari al barile.

Il greggio Usa scambia in rialzo di 56 centesimi, o dello 0,99%, a 57,41 dollari al barile. Entrambi i benchmark hanno toccato i livelli più alti da gennaio 2020.

"I prezzi del petrolio sono tornati vicini ai livelli pre-pandemia", ha detto Norbert Rücker, analista della banca svizzera Julius Baer. "Il sostegno sembra solido e l'idea diffusa è che il mercato petrolifero bruci rapidamente il rimanente surplus dovuto alla crisi, arrivando potenzialmente a una situazione più tirata più avanti nell'anno", ha aggiunto.

L'Arabia Saudita ha promesso ulteriori tagli all'offerta a febbraio e marzo, sulla scia delle riduzioni da parte di altri membri dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei suoi alleati.