Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.983,76
    +23,76 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    13.657,90
    +21,91 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2170
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    26.483,22
    +96,23 (+0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,14
    +3,82 (+0,59%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.857,17
    +1,81 (+0,05%)
     

Greggio, prezzi in calo, impatto pandemia eclissa dati promettenti cinesi, Usa

di Shadia Nasralla
·2 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera a Midland, in Texas

di Shadia Nasralla

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio perdono terreno oggi, con i promettenti dati sulle importazioni cinesi e sulle scorte di greggio statunitensi eclissati dai crescenti casi di coronavirus in Europa e dai nuovi lockdown in Cina.

Intorno alle 11,00 italiane, i futures sul Brent cedono 8 centesimi a 55,98 dollari il barile, mentre i futures sul greggio Usa perdono 1 centesimo a 52,90 dollari il barile.

La backwardation di sei mesi del Brent, scenario dove i contratti con consegna immediata sono più costosi della consegna futura, è scesa ai minimi dal 5 gennaio, indicando un attenuamento del sentiment rialzista.

La Cina, il secondo consumatore di petrolio al mondo, ha riportato il maggior aumento giornaliero di contagi da Covid-19 in oltre 10 mesi, con le infezioni triplicate in una provincia nord-orientale.

I governi in tutta Europa hanno annunciato lockdown contro il coronavirus più lunghi e severi, mentre si prevede che le vaccinazioni non avranno un impatto significativo per i prossimi mesi.

I produttori di petrolio sono alle prese con il difficile compito di bilanciare offerta e domanda, con un outlook incerto a causa di fattori come il ritmo della diffusione e la risposta ai vaccini contro Covid-19, secondo un funzionario Iea.

"Questo calo (dei prezzi), anche se durasse più di un giorno, non dovrebbe essere protratto o violento", ha detto l'analista Pvm Tamas Varga, indicando il taglio dell'offerta dell'Arabia Saudita per alcuni acquirenti asiatici.

Le importazioni complessive di greggio in Cina sono aumentate del 7,3% nel 2020, nonostante lo shock del coronavirus, con arrivi record nel secondo e terzo trimestre, con le raffinerie che hanno espanso le loro operazioni e con un maggior accumulo di scorte incoraggiato dai prezzi bassi, secondo i dati doganali cinesi.

La settimana scorsa, le scorte di greggio statunitensi sono calate oltre le aspettative, anche se quelle di benzina e di distillati sono aumentate, con la produzione nelle raffinerie ai massimi da agosto, secondo i dati Eia.

Le speranze per una maggiore domanda di greggio salgono in attesa del pacchetto di sostegno contro il Covid-19 negli Stati Uniti, che il presidente eletto Joe Biden svelerà oggi.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)