I mercati italiani sono chiusi

Ikea ora ti ricompra i mobili che non ti piacciono più

Il progetto pilota, infatti, partirà nel gennaio del 2018 nella sede di Spreitenbach, a nord ovest di Zurigo, ma poi potrebbe allargarsi a tutti i negozi dell’azienda di mobili low cost svedesi.

L’arredamento di casa è importante, dice chi siamo e, soprattutto, ci accoglie quotidianamente quando torniamo dal lavoro. Vivere bene significa vivere bene anche con ciò che ci circonda e i mobili di casa ne fanno parte. Spesso, però, anche i mobili più belli dopo un po’ stancano, o non si adattano più al nostro stile di vita e vogliamo o dobbiamo cambiarli. Anche se sono ancora in buone condizioni.

Oggi, però, se avete acquistato i vostri mobili all’Ikea (e vivete in Svizzera) potete restituirli all’azienda svedese e ottenere un buono sconto per l’acquisto di nuovi mobili. Sì, per ora l’offerta vale solo per la Svizzera ed è un test per capire se funziona, ma presto potrebbe arrivare anche da noi.

Il progetto pilota, infatti, partirà nel gennaio del 2018 nella sede di Spreitenbach, a nord ovest di Zurigo, ma poi potrebbe allargarsi a tutti i negozi dell’azienda di mobili low cost svedesi in giro per il mondo. Ma come funziona questo progetto?

Nel caso che i clienti abbiano dei mobili Ikea ancora in buone condizioni e utilizzabili, essi possono restituirli all’Ikea in cambio di un buono per nuovi acquisti presso l’azienda svedese, con i buoni che – in base alla qualità dei mobili restituiti – possono valere fino al 60% del prezzo originale dei mobili. Un’offerta più che vantaggiosa, dunque, mentre per chi si presenterà nei negozi Ikea troverà un settore dedicato alla vendita dei mobili usati, a prezzi ancora più bassi.

Il portavoce dell’azienda, Manuel Rotzinger, ha presentato l’iniziativa in un’intervista al quotidiano elvetico NZZ am Sonntag, spiegando che per tre mesi, la durata dell’esperimento, tutti i pezzi acquistati nel passato, dagli armadi ai comodini, tavoli, librerie e letti usati, potranno essere riportati a condizione che siano interamente assemblati, sicuri per l’utilizzo e in buono stato.

Potrebbe anche interessarti:

Da Armani a Ikea, i grandi imprenditori non lasciano più l’azienda ai figli. Ecco perché

Ikea lancia una nuova linea di mobili per cani e gatti