Italia markets open in 8 hours 58 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.418,51
    -67,29 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1751
    -0,0039 (-0,33%)
     
  • BTC-EUR

    11.283,96
    +79,59 (+0,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,22
    -11,47 (-4,20%)
     
  • HANG SENG

    24.708,80
    -78,39 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Il petrolio torna al di sopra del livello di $ 40

Vladimir Zernov
·3 minuti per la lettura

Video petrolio greggio 17.09.20.

L’OPEC + discuterà dell’impatto del Coronavirus

Oggi, l’OPEC + si riunisce per discutere lo stato attuale del mercato. Secondo un recente rapporto Reuters, l’impatto negativo del recente aumento del numero di nuovi casi di coronavirus nel mondo sarà una parte importante di questa discussione.

Israele entrerà in un blocco di tre settimane questo venerdì, mentre molti paesi europei hanno iniziato a reintrodurre alcune misure di contenimento dei virus.

Il principale problema a lungo termine per il mercato petrolifero è la totale mancanza di visibilità sul fronte della domanda di carburante per aerei. Ora che molti paesi stanno cercando di contenere la seconda ondata del virus, è impossibile dire quando i viaggi aerei torneranno alla normalità.

L’OPEC + vede questo problema ma non può farci niente. A mio parere, ulteriori tagli alla produzione sono fuori dal tavolo per il prevedibile futuro poiché i membri dell’OPEC + devono ripristinare i loro bilanci che hanno subito un doppio colpo dal virus e dai bassi prezzi del petrolio.

In questa luce, l’OPEC + probabilmente si atterrà a un approccio attendista fino all’inizio del 2021. Quando il mondo avrà superato la stagione influenzale nell’emisfero settentrionale, la visibilità dei modelli di domanda di petrolio dovrebbe migliorare.

I ritardatari OPEC + sono di nuovo sotto i riflettori

Durante l’attuale crisi, l’OPEC + ha sottolineato l’importanza del pieno rispetto dei tagli alla produzione. Come al solito, ci sono stati dei ritardatari, ma la conformità è stata molto migliore rispetto ai precedenti tentativi dell’OPEC di sostenere il mercato con tagli alla produzione.

Questa volta, l’OPEC + dovrà discutere la situazione attorno a un insolito ritardatario. Secondo IEA, gli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno prodotto 3,11 milioni di barili al giorno (bpd) ad agosto rispetto alla loro quota di 2,59 milioni di bpd.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno spiegato che dovevano aumentare la produzione durante il picco estivo della domanda di elettricità. L’OPEC + cercherà ora di costringere gli Emirati Arabi Uniti a tornare alla conformità.

Inoltre, l’OPEC + è pronta a dare ad altri ritardatari come Iraq e Nigeria più tempo per effettuare ulteriori tagli al fine di compensare la precedente sovrapproduzione.

Il recente rapporto sull‘ inventario è stato rialzista per il mercato e le promesse di ulteriori tagli alla produzione potrebbero fornire un maggiore sostegno ai prezzi del petrolio. Tuttavia, resta da vedere se il petrolio WTI riuscirà a rimanere sopra il livello di $ 40 dopo che i produttori statunitensi del Golfo del Messico avranno riportato i loro barili sul mercato dopo il passaggio dell’uragano Sally.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: