Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.329,30
    -1.743,96 (-5,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Investitori, prossima fermata Cina: e-commerce, beni di consumo ai primi posti

·3 minuto per la lettura

La Cina, primo Paese colpito dalla pandemia perché si presume che da lì (in qualche modo) è partito il primo focolaio di coronavirus, ha salutato il resto del mondo ed ha dato un tale slancio alla sua economia che nei prossimi anni si farà sentire in termini di influenza sul resto del mondo.

Lo scorso anno, infatti, unici al mondo, hanno messo a segno un +2,3% di Pil e quest’anno il Fondo monetario internazionale (Fmi), prevede che possa balzare al +8,4% sulla riapertura delle altre economie. Nel 2022 leggera frenata con un Pil dato in crescita del +5,6%.

Con questi dati, come fa un investitore a non prendere in considerazione il mercato cinese?

Investire in Cina, una certa diffidenza?

C’è probabilmente una certa barriera psicologica, una sorta di diffidenza nei confronti del colosso cinese, e ci sono anche dei dubbi oggettivi legati alle libertà dei cittadini com’è sotto gli occhi di tutti (vedasi Hong Kong), ma l’economia cinese sul piano internazionale già oggi vale il 17,7% del Pil globale, mentre nel 2001 valeva il 4%.

Durante il Ceresio Investors Forum, dedicato agli hedge fund e ai fondi di fondi, e seguito dal Corriere della Sera, è stato fatto notare che nonostante la Cina rappresenti la seconda economia mondiale dietro gli USA, l’esposizione degli investitori internazionali al mercato azionario cinese è solo del 4%.

Tuttavia va considerato, quando si parla di azionariato cinese, che non sono certo immuni da quanto accade nel resto del mondo. E dopo una crescita del +30%, come hanno fatto notare durante il forum Ceresio Investors, ora la Cina risente dell’aumento dei tassi di interesse di mercato, della politica monetaria imposta dalla banca centrale diventata più restrittiva per scongiurare l’aumento dell’inflazione dovuta alle materie prime: la Cina è principale consumatore di queste ultime.

Investire in Cina, i settori trainanti

I settori trainanti della Cina sono l’e-commerce (si consideri Alibaba), il settore dei media e dei social media e dei tecnologici come Tencent Holdings, ma anche tutte quelle aziende cinesi produttrici di beni di consumo.

In particolare i beni di consumo, domandiamoci quanto di quello che utilizziamo nella vita quotidiana proviene dalla Cina? Ecco perché potrebbe essere interessante per l’investitore cercare nuovi “unicorni” provenienti da quel mercato.

Da dove pescare le migliori aziende cinesi quotate?

L’investitore trova al Nasdaq una prima interessante scelta di società cinesi quotate, mentre altre sono quotate alla Borsa di New York.

Spostandoci in Asia, per ottenere le maggiori garanzie di trasparenza è consigliabile esplorare le società quotate alla Borsa di Hong Kong. In seconda battuta, per i più smaliziati e per quanti volessero assumere posizioni di rischio maggiori, potranno esplorare investimenti nei titoli quotati sulle Borse di Shanghai e di Shenzen, le due principali borse della Cina continentale.

Per quanto riguarda gli indici da seguire, infine, il MSCI China Index fornisce il benchmark dell’85% dell’universo azionario del Paese. Tra gli ETF che replicano l’indice troviamo i seguenti, ma non solo:

  • UBS ETF – MSCI China ESG Universal UCITS ETF (USD) A-dis EUR iNAV (CINEEURINAV).

  • UBS ETF – MSCI China ESG Universal UCITS ETF (USD) A-dis USD iNAV (CNESUSDINAV).

  • Stuttgart iNAV FINEX MSCI China ETF UCITS (SLA0EJ).

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: