Italia markets close in 3 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    26.010,03
    -361,89 (-1,37%)
     
  • Dow Jones

    34.022,04
    -461,68 (-1,34%)
     
  • Nasdaq

    15.254,05
    -283,64 (-1,83%)
     
  • Nikkei 225

    27.753,37
    -182,25 (-0,65%)
     
  • Petrolio

    65,82
    +0,25 (+0,38%)
     
  • BTC-EUR

    49.734,65
    -1.125,72 (-2,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.439,84
    -29,24 (-1,99%)
     
  • Oro

    1.779,60
    -4,70 (-0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,1346
    +0,0023 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    4.513,04
    -53,96 (-1,18%)
     
  • HANG SENG

    23.788,93
    +130,01 (+0,55%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.106,95
    -72,20 (-1,73%)
     
  • EUR/GBP

    0,8511
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0422
    +0,0007 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4539
    +0,0043 (+0,29%)
     

Italia, fatturato settembre +0,1% su mese, positivo trim3 - Istat

·1 minuto per la lettura
Palazzo Chigi illuminato con i colori della bandiera italiana

ROMA (Reuters) - A settembre il fatturato dell'industria italiana, al netto dei fattori stagionali, è aumentato di 0,1% su mese, e anche nel complesso del terzo trimestre la dinamica congiunturale, seppure in attenuazione, resta positiva.

Lo comunica Istat, aggiungendo che a livello annuo il fatturato è ​​​​​​​​​​​​stimato in aumento del 15,2%.

Ad agosto il dato aveva registrato +0,5% su mese e +12,4% a perimetro annuo, rivisti rispettivamente da +0,8% e +13,8%.

Guardando alla dinamica congiunturale, la crescita a settembre "è determinata dall'andamento positivo della componente estera (+0,2%). Nel terzo trimestre l'indice complessivo evidenzia un incremento del 2,4% rispetto ai tre mesi precedenti (+3,0% sul mercato interno e +1,5% su quello estero)".

Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un aumento congiunturale per energia (+5,5%), beni di consumo (+1,2%) e beni intermedi (+0,1%), mentre si registra una riduzione per i beni strumentali (-2,2%).

Nel confronto tendenziale su dati corretti per i giorni lavorativi, l'incremento è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di industrie, con aumenti più sostenuti per l'energia e i beni intermedi.

"Con riferimento al comparto manifatturiero, si evidenziano aumenti tendenziali per tutti i settori di attività economica, ad eccezione del comparto dei mezzi di trasporto e di quello farmaceutico".

(In redazione Antonella Cinelli, Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli